Gerenza "Il Reggino"

Direttore Responsabile

 

Maurizio Gangemi

 

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

 

P.E.C.

ilreggino@pec.it


e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

 

in Redazione

 

Ugo La Camera

 

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

 

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B - Gallico

89135 Reggio di Calabria

 

Editore

Associazione Culturale

"Leggende Amaranto"

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

 

partita iva/codice fiscale

02889720807

 

e-mail all'Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

 

autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

nr. 8 del 23 ottobre 2009

Partners

Reggio di Calabria: Aeroporto dello Stretto, Bombino (EPNA) “Un esercizio di dinamismo senza movimento” Stampa E-mail
Scritto da Ufficio Stampa Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte   
Sabato 14 Aprile 2018 00:00

(32) “Rimango perplesso e disorientato dinanzi all’esito del Consiglio Metropolitano “aperto” sul tema “Aeroporto dello Stretto”. L’andamento dei lavori induce a pensare che vi sia un tentativo di autoassoluzione della politica rispetto ad un quadro di responsabilità che appare,

tuttavia, alquanto evidente. Non fosse altro perché, ancora una volta, una classe dirigente disattenta e indolente, costringe un’intera comunità a subire passivamente provvedimenti e scelte contrari agli interessi del nostro territorio”. E’ quanto dichiara il Presidente del Parco Nazionale dell’Aspromonte, Giuseppe Bombino. “E’ utile, a tal proposito, ricordare come è nato il “Piano Nazionale Aeroporti” redatto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed approvato dal Consiglio dei Ministri nell’agosto 2015. Il Piano – prosegue Bombino - prevede l’individuazione di 10 bacini di traffico con 38 Aeroporti di Interesse Nazionale, tra cui l’Aeroporto dello Stretto (l’Aeroporto di Lamezia Terme, invece, rientra tra quelli (12) che rivestono particolare rilevanza strategica). Ed è proprio questo il punto che suggerisce come la verità sia un'altra! Durante l’esame definitivo dell’intesa si sarebbe dovuta evidenziare la rilevanza strategica anche dell’Aeroporto dello Stretto, in considerazione del suo interesse interregionale rispetto ad un bacino di oltre 1,5 milioni di utenti (delle provincie di Reggio Calabria e Messina, incluse le Isole Eolie), nonché della prospettiva di inscrizione dello scalo nell’Area Metropolitana Integrata dello Stretto. Ma la "distrazione" di chi era chiamato a rappresentarci non ha consentito al “Tito Minniti” di assurgere ad un rango superiore. Tale atteggiamento – continua Giuseppe Bombino - ha favorito l’attuale depotenziamento dell’Aeroporto dello Stretto, sempre più svuotato e marginalizzato, e sul cui sviluppo, ancora oggi, continuano gli inutili e sterili esercizi di dinamismo senza movimento. La verità, quindi, è un'altra: nessuno è intervenuto! E i tempi intercorsi tra la elaborazione del Piano Nazionale Aeroporti e la sua approvazione lo avrebbero ampiamente consentito, se solo si fosse prestata la giusta attenzione.  Il mancato riconoscimento della rilevanza strategica, unitamente alla assenza di qualsiasi progetto di sviluppo dell’Area dello Stretto all’interno di un piano di azione su scala interregionale, non hanno consentito di realizzare le reti e le infrastrutture di collegamento intermodali “acqua-terra”. E sarebbe stata proprio la “Città dello Stretto" la soluzione per chiedere ed ottenere una posizione inedita nel Piano Nazionale Aeroporti: la particolare "discontinuità territoriale" che caratterizza la geografia di due città che ambiscono a divenire una sola avrebbe, infatti, imposto il riconoscimento del carattere strategico del nostro scalo. Una più attenta politica, pertanto, avrebbe potuto negoziare il ruolo dell’Area Integrata dello Stretto nelle politiche di sviluppo del Mezzogiorno e dell’Italia e proporre il nostro Aeroporto come infrastruttura logistica e piattaforma strategica più baricentrica ed avanzata dell’Europa mediterranea capace di connettersi ai principali corridoi intermodali internazionali e di offrirsi quale nodo di connessione e scambio nelle reti europee. Suggerisco, infine, che si avvii una interlocuzione con l'operatore Alitalia per riprendere, nell'ambito di una trattativa dedicata, i termini di un rapporto divenuto ormai problematico. E' necessario, inoltre, - conclude Bombino - che si ampli la fascia oraria di operatività dell'Aeroporto dello Stretto assicurando la permanenza di voli sia di mattina, sia nella tarda serata; ciò per evitare il disimpegno della struttura, il sottoutilizzo della torre di controllo (che implicherebbe un ulteriore declassamento dello scalo) e la riduzione delle competenze e delle professionalità che hanno consentito fino ad oggi la funzionalità dell'aerostazione”.

 

 

 

Statistiche

Utenti : 6882
Contenuti : 13390
Tot. visite contenuti : 3460491

Cerca

Sponsor