La Reggina vince nettamente contro un Bisceglie non pervenuto. Vanoli: “Errori di gioventù su tutti i gol subiti”. Toscano “Questo è l’atteggiamento giusto. Andiamo avanti così”.

Il primo a presentarsi in sala stampa è il mister uscito sconfitto dalla gara odierna, Rodolfo Vanoli: “La Reggina ci ha pressato subito, alti. Abbiamo commesso errori di gioventù, avevamo preparato la partita in ben altro modo. Siamo giovani, possiamo e dobbiamo fare di più anche se, tutto sommato, sono ottimista e fiducioso. Il primo dei tre giocatori della Reggina a raggiungerci in sala stampa è Paolo Marchi: “Il mister vuole giocatori sempre pronti, che non mollano mai e che lavorano duramente. L’assenza di Marco (Rossi, ndr) mi ha consentito di farmi trovare pronto ed è andata bene. Il merito delle buone partite difensive è anche merito dei nostri centrocampisti e degli attaccanti che ci consentono di subire poco”. Ecco mister Toscano: “C’è ancora da migliorare negli ultimi 16 metri ma la squadra oggi mi è piaciuta. Per me questo gruppo ha ancora margini di miglioramento. Dopo la vittoria contro la Cavese, con l’euforia e l’entusiasmo che devono aumentare fuori, era difficile mantenere i piedi per terra. Il Bisceglie veniva da un buon pareggio contro il Catanzaro e, quindi, non era formazione da sottovalutare. La squadra sta crescendo e sono contento. A Bari andremo con le nostre certezze ma sarà una partita come le altre. Dobbiamo abituarci ad un 11 che potrebbe essere diverso di volta in volta anche in base alle caratteristiche diverse dei miei giocatori ed alle caratteristiche degli avversari. Non mi preoccupa il terzo rigore consecutivo dato al bari, noi dobbiamo guardare a noi e basta. Oggi hanno fatto bene tutti, anche chi è subentrato”. Enrico Guarna: “A livello difensivo siamo stati bravi, anche chi opera davanti alla difesa. La nostra è una buona partenza, il reparto difensivo è completamente nuovo e non era semplice ma siamo sulla strada giusta. Ci siamo amalgamati, speriamo di crescere di partita in partita. Non mi preoccupo del Bari, andremo lì a fare la nostra partita. In ultimo l’esterno destro Desiderio Garufo: “La vittoria di oggi è stata la prova di maturità che ci si aspettava dopo la larga vittoria di domenica scorsa. Ci siamo già ma ci sono ancora ampi margini di miglioramenti. La C sarà difficile come sempre: 5/6 squadre che lotteranno per il vertice e poi tutte le altre senza però la vittima sacrificale predestinata. Da noi ci sono due giocatori per ogni ruolo ed entrambi sono importanti. Per fare un grande campionato servirà la mentalità dimostrata oggi. Non abbiamo sottovalutato il Bisceglie ed abbiamo indirizzato la gara per come volevamo. Per ogni giocatore dev’essere un motivo d’orgoglio giocare qui al Granillo”.

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  

Author: Maurizio Gangemi