Reggio di Calabria: Comitato pro Aeroporto dello Stretto “A Reggio volano più chiacchiere che aerei”

Condividi sui social

(757) “Le sfrontate dichiarazioni dei rappresentanti politici e non solo, che imperversano in questi giorni sui quotidiani, tese ad accaparrarsi meriti sulla questione aeroporto dello Stretto, rendono doveroso “mettere i puntini sulle i” affinché la collettività possa formarsi un’opinione corretta. Quindi, invece di aggiungere chiacchiere alla montagna di chiacchiere generata in questi giorni, il Comitato ritiene corretto storicizzare cronologicamente, attraverso un elenco sintetico di fatti, ciò che è avvenuto negli ultimi due anni. Si precisa che la costituzione del comitato e le attività riportate sono state rese necessarie dalla inefficienza di una classe politica e dirigenziale, che continua negli anni ad agire solo di riflesso, se obbligata, oppure con l’intento di salvarsi la faccia di fronte ai cittadini. I fatti :

  • 7 ottobre 2016, in seguito alla sentenza di fallimento della Sogas SpA ed il rischio di chiusura dell’aeroporto, viene effettuato il primo sit-in del Comitato, in Piazza Italia (RC), dove una delegazione dei manifestanti viene ricevuta dal Prefetto, ottenendo l’apertura di un tavolo inter-istituzionale periodico sulla questione aeroporto;
  • 28 ottobre 2016, prima assemblea pubblica, nel salone di Confindustria Reggio Calabria, in occasione della quale la questione aeroporto, da argomento di pochi cittadini, inizia ad essere portata all’attenzione del tessuto socio-economico della città;
  • 19 novembre 2016, mobilitazione generale con corteo da Piazza Duomo a Piazza Italia, con più di 2 mila partecipanti, contestualmente all’inoltro di un’Istanza articolata ai vertici ministeriali per impedire che la gestione in rete degli scali calabresi si trasformasse nella sola operatività dell’aeroporto di Lamezia;
  • 14 gennaio 2017, costituzione di un tavolo inter-istituzionale , in seguito al secondo sit-in ad oltranza in Piazza Italia, con contestuale impegno dei partecipanti a portare nei tavoli ministeriali le istanze e gli studi elaborati dal Comitato, tra i quali l’attuazione delle normative sulla continuità territoriale per l’area dello Stretto;
  • 18 gennaio 2017, in seguito alle manifestazioni di protesta, viene emanato un decreto regionale di € 903.691,64 per garantire la continuità del servizio di trasporto aereo, recante le motivazioni di “criticità di ordine pubblico e sociale” ;
  • 17 marzo 2017, vista la comunicazione di Alitalia di interrompere il servizio di trasporto sull’aeroporto dello Stretto, il Comitato organizza un sit-in bloccando l’ingresso di Palazzo S.Giorgio, ottenendo l’impegno sul ripristino dei voli in occasione del successivo tavolo ministeriale;
  • 11 e 30 maggio 2017, vengono costituiti due tavoli inter-istituzionali in Prefettura di RC, per l’aggiornamento sulle problematiche relative all’aeroporto dello Stretto, con particolar riguardo alle trattative in corso con le compagnie aeree che ancora tardano a ripristinare i voli;
  • 9 giugno 2017, il Comitato contatta direttamente i vertici Alitalia, ottenendo una nota sul mancato pagamento di un debito regionale, al contrario di quanto asserito nei precedenti tavoli, da parte dei rappresentanti istituzionali;
  • 21 giugno 2017, trasferta in pullman con sit-in presso la Cittadella Regionale (CZ), dove una delegazione del Comitato viene ricevuta ed ottiene lo stesso giorno l’emanazione del decreto dirigenziale per il saldo del debito pari a € 1.752.915,33;
  • 15 settembre 2017, seconda assemblea pubblica sulla questione aeroporto presso l’Accademia delle Belle Arti (RC), in ambito della quale si diffonde un documento analitico sulle cause e gli indirizzi da perseguire per ottenere lo sviluppo dell’infrastruttura e del territorio circostante, sottolineando l’importanza della pubblicazione del piano industriale Sacal e dell’elaborazione di programmi istituzionali attendibili, con investimenti al seguito;
  • 27 settembre 2017, richiesta accesso civico alla Sacal spa per la pubblicazione del Piano Industriale con contestuale istanza alle Autorità garanti per il rispetto delle normative sulla trasparenza;
  • 24 febbraio 2018, seconda mobilitazione generale con corteo da Piazza Duomo a Piazza Italia, con contestuale richiesta di un tavolo inter-istituzionale ed il deposito di una proposta di protocollo per avviare una sinergia con tutti i responsabili del servizio di trasporto aereo, incluso la richiesta di modifica dello statuto della Sacal SpA, il cui CdA viene limitato ai soli rappresentanti catanzaresi;
  • 16 aprile 2018, Atto di esposto presso le Procure della Repubblica di Reggio, Catanzaro e Roma col deposito di tutti gli atti e le incongruenze sulla questione aeroportuale calabrese, tra cui spiccano le contraddizioni contenute nella relazione della commissione esaminatrice delle offerte per il bando Enac e le incongruenze della relazione per chiedere gli Aiuti di Stato per l’ampliamento dell’aerostazione dell’aeroporto di Lamezia;
  • 17 luglio 2018, in seguito al passo indietro, da parte dei vertici istituzionali ed economici locali, sul protocollo d’intesa promosso dal Comitato, si provvede ugualmente ad inoltrare:
  1. Un documento articolato ai Vertici dei Dicasteri competenti, chiedendo sia l’emanazione del Decreto interministeriale necessario per l’attuazione degli investimenti sull’aeroporto dello Stretto sia un incontro con i Ministeri competenti per presentare la documentazione raccolta in due anni di attività.
  2. Accesso civico alla Sacal Spa, chiedendo, nel rispetto delle normative, la pubblicazione del piano industriale aggiornato sull’aeroporto dello Stretto, al fine di consentire l’avvento di investitori e nuove compagnie aeree.
  • 2 agosto 2018, il Comitato ottiene, dal Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, l’avvio del procedimento per l’emanazione del Decreto e l’impegno ad un incontro durante la prima visita sul territorio calabrese, siglando il principio che un gruppo di cittadini organizzato, attraverso studio, impegno e integrità, può e deve dialogare paritariamente con le Istituzioni senza assoggettarsi a sterili intermediazioni politiche.

Infine, non potendo soffermarsi sui dettagli di queste ed altre numerose attività del Comitato, si ribadisce l’appello a tutti i cittadini di partecipare alle spese per il ricorso al TAR, necessario per la pubblicazione del piano industriale Sacal. Il ripristino di un volo al mattino con rientro alla sera sulla tratta Reggio-Roma, seppur segna un passo avanti, non deve distogliere l’attenzione sugli interventi che per i prossimi 30 anni la Sacal intenderà compiere per l’aeroporto dello Stretto. Naturalmente l’appello viene esteso anche ai vari paladini che in questi giorni si sono sbizzarriti sui quotidiani. Invitiamo loro, oltre alla promozione di comunicati, interrogazioni, interpellanze, conferenze ed incontri, a contribuire concretamente alle spese sopraindicate ma come singoli cittadini, liberi da simboli e appartenenze, poiché prima dell’interesse personale viene quello generale, che corrisponde allo sviluppo della nostra stupenda terra, purtroppo vilipesa da decenni”. Comitato pro Aeroporto dello Stretto.


Condividi sui social

Gerenza

Direttore Responsabile

Maurizio Gangemi

mauriziogangemi@ilreggino.it

mauriziogangemi@gmail.com

+39 349 19 56789

P.E.C.

ilreggino@pec.it

e-mail alla Redazione

redazione@ilreggino.it

in Redazione

Ugo La Camera

ugolacamera@ilreggino.it

+39 392 1000 901

sede Redazione

Via Marra Privata, 21/B – Gallico

89135 Reggio di Calabria

Editore

Associazione Culturale

“Leggende Amaranto”

sede legale

Via Zona Industriale, 92

89121 Reggio di Calabria

partita iva/codice fiscale

02889720807

e-mail all’Editore

leggendeamaranto@ilreggino.it

acleggendeamaranto@gmail.com

Autorizzazione del Tribunale

di Reggio Calabria

n. 8 del 23 ottobre 2009

Collegamenti Social

Statistiche

  • 3.626.271
  • 13.698
Copyright © 2018 Il Reggino