Virtus Francavilla e Reggina si dividono la posta in palio al termine di una gara senza particolari emozioni. Trocini “Noi bravi ma la Reggina sarà protagonista”. Toscano “Una squadra forte come la nostra non deve lasciarsi sfuggire le occasioni”

(279) In sala stampa il primo ad intervenire è Bruno Trocini, tecnico della squadra di casa: “E’ stata una bella partita, non possiamo non considerare di aver avuto di fronte una signora squadra che ambisce ad essere protagonista. Le ammonizioni ci hanno condizionato nella nostra voglia di essere aggressivi. La praticità della mia squadra mi è piaciuta. Le nostre ambizioni? Lanciare giovani e rendere fieri i nostri tifosi che, oggi, sono finalmente tornati a casa loro”. L’allenatore ospite Toscano: “Siamo partiti bene ma, sbagliando qualche passaggio di troppo, abbiamo dato loro coraggio. Nel secondo tempo li abbiamo chiusi nella loro metà campo ma potevamo gestire meglio la partita. Una squadra forte come la nostra non deve lasciarsi sfuggire le occasioni che le si sono proposte. Il Francavilla è collaudato ma noi potevamo fare di più. Cercheremo di migliorare le cose che oggi abbiamo fatto meno bene. Dispiace per l’infortunio di De Francesco, ci avrebbe fatto comodo averlo nel finale anche se, nel primo tempo, poteva gestire meglio le situazioni nel primo tempo. Per noi cambiare così tanto comporta avere pazienza. Bisogna lavorare costruendo e cementando questo gruppo. In settimana arriverà Denis e vedremo come inserirlo”. Il difensore amaranto Rossi “Sapevamo sarebbe stata una partita difficile e che loro avrebbero iniziato in maniera aggressiva. Quando sono rimasti in 10 potevamo osare di più. Dobbiamo voltare pagina e vincere domenica prossima in casa con la Cavese. Questo è un campo molto difficile, non sarà facile per nessuno venire qui a fare risultato. Dobbiamo dimostrare sul campo il nostro valore, se non daremo molto di più degli altri sarà dura anche per noi. L’altro difensore reggino Loiacono “Potevamo crederci un po’ di più, forse avremmo avuto la meglio. Giocare sul sintetico è certamente diverso che giocare sul terreno in erba. Mi ha fatto piacere indossare la fascia di capitano ma è un dettaglio, la cosa importante è il gruppo che si sta formando. E’ un risultato positivo, vediamo oggi il bicchiere mezzo pieno. E’ un ottimo pareggio e guardiamo avanti alla prossima. Più giochiamo e più acquisiremo il ritmo. Non potevo rifiutare una piazza importante come Reggio”.

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  

Author: Maurizio Gangemi