mercoledì,Novembre 25 2020

Solveig, cittadina del mondo, s’innamora di Reggio: «È il paradiso. Prendo casa qui»

Il gesto esemplare di una donna venuta da lontano che organizza la pulizia della spiaggia assieme ad altri volontari e sfida i maleducati

Solveig, cittadina del mondo, s’innamora di Reggio: «È il paradiso. Prendo casa qui»

La pioggia non ha fermato i volontari che ieri hanno ripulito la spiaggetta accanto al porto di Reggio Calabria. Un’iniziativa privata, nata dall’amore per la terra di una donna, Solveig Faninger che, nei giorni scorsi, aveva lanciato un appello con un video su Facebook. E sono stati tanti quelli che, ieri mattina, nonostante le condizioni meteo proibitive hanno raggiunto Solveig sulla spiaggia.

Non si è trattato di una iniziativa isolata, né tantomeno improvvisata. Solveig nei giorni scorsi si è messa in contatto con l’Avr. «Lunedì li ho chiamati, mercoledì mi hanno risposto, giovedì sono venuti a fare il sopralluogo e sabato mi hanno portato il materiale per pulire». La ditta ha prontamente fornito sacchi, guanti, rastrelli, picconi, pala per approntare la pulizia fatta dai volontari e, già stamattina, ha provveduto a ritirare i materiali ritrovati in spiaggia.

È la storia di Solveig ad essere singolare. Una storia che non può non essere raccontata perché mostra come, a volte, l’occhio di chi non è nato e cresciuto su queste sponde del mare, sappia riconoscere il tesoro che la nostra terra reggina è.

«Reggio è il paradiso terrestre, con la sua natura che è straordinaria, la sua vegetazione rigogliosa, il mare vicino alla montagna». Così Solveig Faninger, che nella città dello Stretto è arrivata per caso qualche mese fa e si è innamorata a tal punto che ha deciso di fermarsi e di prendere casa qui. È nata a Viterbo, i suoi genitori si sono conosciuti a Roma, il nonno era nella Fao: sua madre è islandese e nel sangue di suo padre ci sono pezzi di Austria, ex Jugoslavia, repubblica Ceca. Lei ha anche vissuto per tanto tempo in Brasile.

La natura è la passione di Solveig e quindi trova normale, come ci racconta, raccogliere la spazzatura e tutto ciò che è fuori posto e anche dare una lezione a chi sporca. E, in questo caso, nella nostra città anche il «coraggio di sfidare le persone maleducate».

Un amore per la natura che l’ha portata ad organizzare una pulizia straordinaria della spiaggetta che si trova, nei pressi del porto di Reggio Calabria. Una visuale meravigliosa, le acque dello stretto e l’Etna di fronte. Peccato che ci siano cumuli di rifiuti a sporcare tutta questa bellezza.

Non si perde d’animo Solveig: chiama l’Avr e si mette d’accordo in modo da ricevere il materiale per approntare una pulizia del tratto di costa con tutti i crismi. «Le persone con cui ho parlato sono state gentilissime». A sentirla parlare, in una città che soffre per la presenza di rifiuti ovunque, l’inciviltà di alcuni, delle discariche che fioriscono come giardini in primavera, sembra che stia parlano di un’isola felice e non di Reggio. Ma quello che racconta è successo davvero.

L’iniziativa di ieri è stata solo la prima, di tante altre che seguiranno per mostrare tutto il rispetto alla nostra meravigliosa terra.