mercoledì,Novembre 25 2020

Emergenza rifiuti, Neri a De Caprio: «Pronti a collaborare se si intraprende un percorso di condivisione»

Reggio Calabria, per il vicesindaco su un tema così delicato non possono esserci spaccature e divisioni per il bene dei cittadini

Emergenza rifiuti, Neri a De Caprio: «Pronti a collaborare se si intraprende un percorso di condivisione»

«L’assessore regionale all’Ambiente, Sergio De Caprio, con grande onestà intellettuale, oggi chiede scusa ai cittadini calabresi, assumendosene la responsabilità, per l’enorme disagio causato dal mancato conferimento dei rifiuti in discarica che ha esposto le Città a concreti rischi di salute e incolumità pubblica». Lo scrive in una nota Armando Neri, vicesindaco di Reggio Calabria.

«Ne prendiamo atto e, se vorrà intavolare un percorso di condivisione e ascolto, siamo pronti a collaborare perché Reggio, come Cosenza, Catanzaro, Vibo e qualsiasi altro Comune calabrese, non merita lo scempio che è stata costretta a subire per la chiusura degli impianti regionali di conferimento». Neri commenta così le parole del delegato della giunta regionale che, sostanzialmente, «ha sottolineato e confermato ciò che andiamo dicendo noi da ormai troppo tempo.

Su un tema come quello dei rifiuti – aggiunge Neri – non possono costruirsi muri, spaccature e divisioni. È fondamentale collaborare proprio perché la Calabria sconta ritardi ultra decennali che non possono, in alcun modo, permettere ulteriori passi falsi. Ribadisco, come ho avuto più volte modo di fare, che è fondamentale agire in un’ottica di condivisione dei problemi.

È ovvio – continua il vicesindaco – che il sistema dei privati vada senza dubbio ripensato e noi, con le nostre attività politiche ed amministrative, stiamo dando dimostrazione di quanto sia importante mantenere una gestione pubblica dei servizi essenziali prestati ai cittadini. Ciò, tuttavia, non può prescindere da un rapporto di stretto e proficuo lavoro comune, utile a produrre soluzioni che mettano d’accordo tutti i soggetti pubblici interessati da una rivoluzione che la Calabria è oramai stanca di attendere.

È la salute della gente – afferma ancora – che rischia di andarci di mezzo, è il decoro dei nostri centri urbani, che vivono di turismo e sono impareggiabili per bellezza, che va a morire. Non si può far finta che i problemi non esistano, né si può sopportare l’idea che vadano nascosti come polvere sotto al letto.

Bene, dunque – conclude il vicesindaco Armando Neri  – l’onestà intellettuale dimostrata dall’assessore De Caprio, alla quale devono però  seguire, nell’immediato, azioni determinate a liberare le nostre città dalla mole infinita di spazzatura».