sabato,Novembre 28 2020

Montebello Jonico, con la nuova sezione di filtrazione catalitica l’acqua a Masella è potabile

Ad attestarlo la Sorical. Risolto così il problema dell'arsenico, che in parte di territorio, superava i parametri previsti dalla normativa europea

Montebello Jonico, con la nuova sezione di filtrazione catalitica l’acqua a Masella è potabile

«Il primo Settembre 2020 la Sorical Spa ha  comunicato ufficialmente all’ente comunale montebellese, che dal 18 agosto 2020 è entrata stabilmente in funzione la nuova sezione di filtrazione catalitica in pressione per la riduzione della concentrazione di arsenico, presso l’area del serbatoio idropotabile delle località Masella e delle Borgate di Placa e Lianò 2° di Montebello Jonico». Così una nota l’amministrazione comunale di Montebello Jonico.

«L’amministrazione guidata dal sindaco Ugo Suraci, è riuscita così a raggiungere il traguardo che ha portato alla risoluzione dell’atavico problema dell’arsenico, che in parte di territorio, superava i parametri previsti dalla normativa europea. Due le ordinanze sindacali sull’annosa questione: n. 16 del 17 aprile 2013, l’altra n. 27 del 16 aprile 2019, ancora vigenti, che dichiarano la non potabilità delle acque che confluiscono nella condotta idrica di Masella.

A seguito dell’installazione dei filtri per abbattere l’eccessiva quantità di arsenico presente nelle acque di Masella, in data 24 agosto 2020, l’ente gestore Sorical ha provveduto a raccogliere alcuni campioni di acqua, presso i seguenti punti: campo Pozzi Masella – Pozzo numero 3; entrata filtri Masella; uscita filtri Masella; uscita serbatoio Masella. Gli stessi campioni sono stati, successivamente, analizzati nel laboratorio interno alla Sorical. Dalle suddette analisi è risultato che l’arsenico contenuto nelle acque di Masella è inferiore all’unità (la normativa europea prevede un quantitativo massimo di 10 unità).

Sono questi risultati eccellenti, che confermano un perfetto funzionamento dei filtri e un abbattimento della concentrazione di arsenico ridotta a valori pienamente conformi alla normativa vigente. Nella stessa comunicazione sempre la Sorical sollecita l’ente comunale e l’autorità di controllo, ovvero il servizio Sian dell’Asp di Reggio Calabria, ad attivarsi a nuovi campionamenti e analisi di laboratorio, al fine di procedere alla conferma del buon funzionamento dell’impianto e alla revoca della vigente ordinanza sindacale, circa la non potabilità dell’acqua.

Il primo cittadino montebellese, Ugo Suraci, esprime grande soddisfazione per il raggiungimento di questo importantissimo obiettivo, che restituisce l’acqua potabile, e con essa anche la serenità, eliminando ogni disagio, ad un’intera frazione del comune montebellese. Il sindaco ha già predisposto la richiesta all’Asp di Reggio Calabria per eseguire le analisi ufficiali delle acque in questione, e attenderà un veloce e positivo riscontro al fine di poter revocare l’ordinanza di non potabilità dell’acqua, e informare i cittadini sulla restituita potabilità dell’acqua.

I consiglieri comunali di Masella, Claudia Pugliese e Vincenzo Monterosso, che si sono sempre battuti per questa importante causa, possono ritenersi finalmente soddisfatti e insieme alla cittadinanza ringraziano tutte le autorità e i funzionari competenti che hanno contribuito a questo felice risultato, in particolare il direttore generale della Sorical, l’ingegnere Sergio De Marco e il capo compartimento Area Sud di Sorical, l’ingegnere Giulio Gangemi. Una menzione speciale la merita il sacerdote delle parrocchie di Montebello e Masella, don Giovanni Gattuso, per il suo fattivo e continuo impegno nel sollecitare e stimolare gli organi competenti alla gestione degli acquedotti comunali».