giovedì,Aprile 15 2021

Emergenza rifiuti, i quesiti di Zampogna nell’interrogazione a Falcomatà

Dai lavori alla discarica di Melicuccà, ai tempi per far ripartire l’impianto di Siderno, ecco le richieste del sindaco forzista

Emergenza rifiuti, i quesiti di Zampogna nell’interrogazione a Falcomatà

Parte dal sindaco di sfido, Giuseppe Zampogna del gruppo consigliare di Forza Italia, una interrogazione sul situazione dei rifiuti, con richiesta di risposta indirizzata al sindaco della città metropolitana Giuseppe Falcomatà.

Parte dipingendo il quadro disastroso che riguarda la situazione dei rifiuti nella provincia reggina e spiega, Zampogna nel documento «i Comuni ricadenti nell’area metropolitana stanno subendo gravi sofferenze per ciò che riguarda una corretta gestione del ciclo dei rifiuti».

E poi riassume una gran parte delle difficoltà deriva dalla carenza di impianti dove conferire i rifiuti e da un evidente deficit organizzativo da parte degli uffici della città metropolitana; il Piano rifiuti del 2016 della Regione Calabria prevedeva la realizzazione di tre discariche per gli scarti di lavorazione; la discarica di Melicuccà è destinata a servizio dell’impianto di Gioia Tauro; la discarica di Motta San Giovanni è a servizio dell’impianto di Sambatello; la Regione Calabria ha diffidato la Città Metropolitana per l’individuazione di un sito per la realizzazione di una discarica per gli scarti di lavorazione al servizio dell’impianto di Siderno, con delibera di nomina del Commissario ad acta per individuare il sito stesso; il Piano rifiuti regionale, per come integrato nel 2019, prevede la realizzazione di un impianto per l’organico da allocare nella Piana di Gioia Tauro, per il quale non è stato ancora definito il sito né la fonte di finanziamento; nel nuovo Piano rifiuti della Regione Calabria, approvato il 2.11.2020, è prevista la realizzazione di impianti di vetrificazione al posto delle discariche dove conferire gli scarti di lavorazione». In un momento in cui i Comuni continuano ad avere grosse difficoltà nei conferimenti 1che vedono vanificati gli sforzi fatti, in termini economici ed organizzativi, per garantire una corretta gestione della raccolta dei rifiuti; anche quelle realtà che hanno avviato, con evidente successo, la raccolta differenziata – insiste Zampogna – sono penalizzate da inefficienze e ritardi non imputabili ai Comuni ma derivanti da scarsa o mancata programmazione da parte di altri Enti».

In concreto Zampogna chiede di sapere: quali atti sono stati concretamente compiuti per adempiere alla diffida della Regione Calabria; a che punto si trova lo stato di realizzazione della discarica di Melicuccà; quali provvedimenti si intendono adottare per garantire ai Comuni un agevole percorso dell’intero ciclo dei rifiuti; localizzazione, risorse e tempi per la realizzazione dell’impianto per il trattamento dell’umido nella Piana di Gioia Tauro; quali i tempi per far ripartire l’impianto di Siderno per il trattamento dell’umido dopo l’incendio che ne ha ridotto la capacità lavorativa».

top