martedì,Giugno 6 2023

Rifiuti a Reggio, ancora incertezze sulla società che gestirà la raccolta

Dai dati del report di Arpacal del 2021 risulta che la città dello Stretto ha differenziato solo il 34,79%

Rifiuti a Reggio, ancora incertezze sulla società che gestirà la raccolta

A Reggio Calabria non si scioglie il nodo relativo alla società che dovrà gestire la raccolta dei rifiuti. È passato più di un anno da quando in riva allo Stretto è stata presentata Teknoservice srl. Tra sospensioni e proroghe con le ordinanze sindacali per effettuare il servizio e tenere pulita la città, a dodici mesi di distanza non c’è ancora un’azienda titolare.

L’iter amministrativo

Si interrompe quasi subito il dato che sembrava acquisito con la vittoria del bando comunale per la raccolta di cui la ditta piemontese era risultata aggiudicataria. Ecologia Oggi, seconda classificata, che non ci sta e presenta il ricorso al Tar. Da qui parte un lungo iter che sembrava essere terminato con la risposta del giudice amministrativo di secondo grado. Ma neanche il Consiglio di stato ha portato al dato definitivo.

Rifiuti: Reggio aspetta

Cosa è successo nelle more del giudizio amministrativo? Il dispositivo della sentenza del secondo grado amministrativo rimanda alla Commissione prima, e al Comune dopo, di rideterminarsi rispetto alla valutazione che è stata data a un parametro che la Commissione stessa aveva deciso equivalente rispetto a una indicazione che c’era all’interno del bando.

Secondo l’eccezione fatta dal Consiglio di Stato non era stata rappresentata in maniera sufficiente la motivazione per cui era stato reso equivalente questo servizio. In realtà la piattaforma non consentiva di spiegare la motivazione con precisione, per motivi di spazio. L’ulteriore rinvio del Consiglio di Stato ha riguardato l’approfondimento delle verifiche su eventuali carichi pendenti da parte dei tribunali che hanno le due società.

Abbiamo chiesto al sindaco Brunetti a che punto siamo, essendo ormai superate, e da giorni, le scadenze previste. Chiarisce il facente funzioni che «L’ufficio non si è determinato e c’è la relazione della Commissione che andrà valutata e poi dovranno essere riassegnati i punteggi, rispetto alla nuova relazione della commissione e poi stabilire a quale delle due società andrà assegnato il servizio».

I dati Arpacal 2021

Di qualche giorno fa il report realizzato da Arpacal, relativo ai numeri della raccolta differenziata in Calabria. Incoraggiante il dato relativo alla Calabria con il 50% superato.

Il Report 2022 (dati rd ru 2021) è stato realizzato da Clemente Migliorino, responsabile della sezione regionale catasto rifiuti istituita presso la direzione scientifica e da Fabrizio Trapuzzano, raccoglie ed elabora i dati sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata riferiti ai Comuni della Calabria, distinti per Categorie merceologiche secondo i Codici identificativi CER.

Nel 2021, a Reggio su un totale di 193.899,42 di rifiuti urbani sono stati 67.451,19 i rifiuti differenziati, con un 34,79% sul totale. Reggio ha incrementato la raccolta differenziata rispetto al 34,32% del 2020 e al 33,37% del 2019. È la città con le percentuali di differenziata più bassa. Anche come città capoluogo nel 2021 con un 29,21%. Fa peggio solo Crotone col 17,64%.

In realtà considerato quanto è accaduto nell’ultimo anno sarà interessante verificare i dati del 2022 per valutare l’effettivo miglioramento relativo alle percentuali di raccolta della differenziata.

Articoli correlati

top