giovedì,Dicembre 3 2020

La madre di Maria Chindamo: «Spero che mia figlia possa tornare»

La trasmissione "Chi l'ha visto" torna sul caso di "lupara rosa" dell'imprenditrice sparita a Limbadi 4 anni fa

La madre di Maria Chindamo: «Spero che mia figlia possa tornare»

Sono passati quattro anni dalla scomparsa, ma la madre di Maria Chindamo non ha perso le speranze di vederla tornare a casa. Il mistero della sparizione dell’imprenditrice di Laurena di Borrello, avvenuto il 6 maggio del 2016, nella sua proprietà di Limbadi in provincia di Vibo, è stato ripreso ieri sera dalla trasmissione “Chi l’ha visto”.

La sparizione

Quel giorno la donna aveva un appuntamento di lavoro ed era uscita intorno alle 7 del mattino. Era stata ritrovata l’auto, col motore acceso, e tracce di sangue dell’imprenditrice, ma di lei si erano perse le tracce. La scomparsa venne collegata alla morte tragica dell’ex marito, Ferdinando Punturiero che si era suicidato un anno prima. E qualcuno ha pensato si potesse trattare di una vendetta per quella morte avvenuta dopo la fine della relazione tra i due.

La disperazione dell’anziana madre

Un caso di lupara rosa si è detto, la donna uccisa e poi fatta sparire. Ma il cuore di una madre non si arrende a questo pensiero. E a “Chi l’ha visto”, l’anziana madre dell’imprenditrice afferma «A volte ancora penso che Maria possa tornare a casa. C’è la figlia piccola di Maria che certe volte mi domanda: “Nonna, ma tu dici che mamma torna?”, e io cosa rispondo? Sono troppo giù. Meno male che ho questo figlio, l’unica persona vicina che mi è rimasta». È Vincenzo, il fratello di Maria che non si dà pace e che lotta per scoprire la verità sulla sparizione della donna.