«Don Malara, sacerdote con un’attenzione vigile per gli ultimi e per le famiglie bisognose»

Il commiato di don Giovanni Zampaglione al prete che per tanti anni aveva svolto il servizio ecclesiale a Melito Porto Salvo
Il commiato di don Giovanni Zampaglione al prete che per tanti anni aveva svolto il servizio ecclesiale a Melito Porto Salvo
Don Malara (foto da L'Avvenire di Calabria)

«È stato un sacerdote secondo il cuore di Dio che ha seguito la sua vocazione sacerdotale con dedizione assoluta e con uno sguardo vigilante ed attento per scoprire le necessità spirituali ed umane delle persone a lui affidate. Ha avuto un amore particolare per la liturgia. E ha educato il suo popolo, in particolare di quello di Melito, a parteciparla e a viverla». Così don Giovanni Zampaglione commenta la scomparsa di don Benvenuto Malara.

«Ha vissuto un’attenzione costante e vigile per gli ultimi, per le famiglie bisognose e i poveri. Ha amato la Chiesa, la sua diocesi ed ha avuto la gioia di accompagnare vocaz sacerdotali e religiose. La sofferenza ha toccato lui e la sua famiglia e l’ha vissuta con fede. Mi è stato particolarmente vicino in tutto il mio percorso sacerdotale e soprattutto in questo tempo di pandemia mi ha ascoltato parecchie volte al telefono e mi ha dato tantissimi consigli».