domenica,Novembre 1 2020

È morta Jole Santelli, governatrice della Calabria. Il decesso nella notte a Cosenza dopo la malattia

Terribile notizia per la Calabria intera: le condizioni di salute della governatrice sono peggiorate all'improvviso

È morta Jole Santelli, governatrice della Calabria. Il decesso nella notte a Cosenza dopo la malattia

È morta la governatrice della Calabria, Jole Santelli. La terribile notizia è giunta nella mattinata di oggi. Jole Santelli, 51 anni, è deceduta nella sua abitazione di Cosenza. Negli ultimi giorni le sue condizioni di salute erano peggiorate. Fino a poche ore prima del decesso, la governatrice ha lavorato, seppur a fatica a causa della malattia con la quale conviveva ormai da tempo e che combatteva con tenacia. Nella notte il dramma. Secondo quanto si apprende, Jole Santelli è morta a causa di un arresto cardio-circolatorio.

I funerali saranno celebrati domani, alle 16.30, nella Chiesa di San Nicola a Cosenza.

Eletta alle scorse elezioni regionali del 26 gennaio, Jole Santelli ha avuto la meglio sul candidato del centrosinistra con il 55,29% delle preferenze.

In Parlamento da quattro legislature. Coordinatrice regionale di Fi dal 2014 ha sempre avuto la meglio in ogni confronto interno al partito. Ha trionfato con oltre il 55% dei voti.

Di professione avvocato, sin dal giugno 1996 ha iniziato a collaborare con l’Ufficio legislativo del gruppo di Forza Italia a Palazzo Madama, per poi passare a quello di Montecitorio. 

Fin dal 2000, inoltre, coordina il Dipartimento giustizia del partito azzurro.

Per quattro legislature, 20 anni, è stata eletta parlamentare della Repubblica, una volta, nel 2006, in Emilia Romagna, e per due volte ha ricoperto il ruolo di sottosegretario di governo. La prima volta fu sottosegretario alla Giustizia nel terzo Governo Berlusconi (2001-2006), la seconda sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali nel Governo Letta (2013). Nel 2008, eletta nell’allora Pdl, andò a ricoprire il ruolo di vice capogruppo alla Camera dei Deputati.

Nella corrente legislatura ha ricoperto l’incarico di vicepresidente della I Commissione (Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e degli Interni) e di vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia.

Un lunghissimo curriculum politico, quello della governatrice della Calabria, morta nella notte a causa di un arresto cardio-circolatorio.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO