venerdì,Novembre 27 2020

Motta San Giovanni, Crea: «Abitanti di Serro Valanidi figli di un dio minore»

Per il referente unico Ancadic: «Consiglieri di Maggioranza e di Minoranza insensibili ai pericoli che incombono sui cittadini»

Motta San Giovanni, Crea: «Abitanti di Serro Valanidi figli di un dio minore»

«In seguito alla richiesta del Dirigente dell’Area V Protezione Civile, Difesa Civile e Coordinamento del Soccorso Pubblico della Prefettura di Reggio Calabria di accertamenti tecnici relativi alla segnalazione dell’ANCADIC avente per oggetto “Richiesta attuazione interventi urgenti di cui alla delibera della Giunta Comunale di Motta San Giovanni n. 18 del 2/2/17 relativi alla messa in sicurezza della strada comunale via Cuba di Serro Valanidi (RC), in data 11 ottobre 2018 è stato eseguito un sopralluogo tecnico dal geologo e funzionario dell’Autorità di Bacino regionale unitamente al responsabile dell’Ufficio Tecnico del tempo del Comune di Motta San Giovanni». A scriverlo in una nota è Vincenzo Crea, referente unico dell’A.N.CA.DI.C e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”.


«Dal sopralluogo è emerso che le preoccupazioni della scrivente associazione erano fondate, ovvero è stato certificato l’aggravato pericolo cui è esposta la popolazione in caso di alluvioni, nonché la pericolosità della strada comunale via Cuba di Serro Valanidi per le difficoltà di transitabilità e di manovra dei veicoli che ne derivano dalla ristrettezza della strada senza sbocco che ne ritarda i soccorsi. Ritardi più volte registrati dalle ambulanze intervenute in soccorso di alcuni abitanti.

Il colpevole adagiarsi degli Enti preposti ad intervenire con provvedimenti a tutela della popolazione non può trovare alcuna giustificazione, né potrà essere imputabile alla carenza di risorse finanziarie, che tra l’altro per quanto riguarda l’allargamento della via Cuba il Responsabile dell’Ufficio tecnico comunale del tempo in sede di sopralluogo affermava che nell’attesa di reperire le intere somme è stata ravvisata tuttavia l’esigenza di eseguire, in via prioritaria e in attuazione del progetto preliminare, quelle opere di manutenzione ordinaria e straordinaria tali da garantire il transito agli automezzi di soccorso. Ebbene, nemmeno questo intervento è stato fatto.

Al riguardo va decisamente evidenziato un fatto a nostro avviso molto grave che riguarda la mancata attuazione alla delibera di Giunta comunale n. 18 del 2 febbraio 2017 di cui sopra che prevede un impegno di spesa di euro 40.000,00 per l’allargamento della sede stradale nei punti in cui attualmente viene impedito il normale e regolare transito dei mezzi di soccorso, avendo la Giunta Comunale dato indirizzo al Responsabile del

Settore V – Ambiente e LL.PP di procedere alla realizzazione dei lavori in argomento. Da qui le gravi responsabilità del Tecnico comunale del tempo e di quello attuale. La Presidenza del Consiglio comunale e i Consiglieri sono stati destinatari di alcune nostre segnalazioni ed è ingiustificabile che di fronte ad un certificato pericolo per la popolazione anche i Consiglieri di Minoranza si sono colpevolmente disinteressati dei pericoli che incombono sulla popolazione. Comportamenti gravissimi».