martedì,Novembre 29 2022

‘Ndrangheta a Milano, strage sfiorata per un errore della boss

Caterina Giancotti è finita in carcere con l’accusa di essere al vertice di una delle organizzazioni malavitose che si spartiva il traffico di droga a Rho

‘Ndrangheta a Milano, strage sfiorata per un errore della boss

di Francesco Altomonte – C’è una lady ‘ndrangheta tra gli arrestati nell’operazione di questa mattina nel Milanese. Secondo gli inquirenti sarebbe Caterina Giancotti, finita in carcere nell’inchiesta Bandiera. Per lei, scrivono gli investigatori nell’ordinanza di custodia cautelare, i due clan che si contendevano il traffico di droga a Rho sarebbero arrivati a un passo da una faida.  

I magistrati della Dda di Milano la accusano di essere uno degli organizzatori della cosca Bandiera, braccio destro del suo compagno Cristian Leonardo Bandiera, che sostituisce quando l’uomo finisce in prigione. Secondo l’accusa la Giancotti avrebbe coadiuvato il suo compagno «nella direzione dell’organizzazione mafiosa e, in sua assenza, con compiti di decisione, pianificazione e di individuazione delle azioni da compiere e delle strategie da adottare, in particolare, con le seguenti condotte; in assenza di Cristian Leonardo Bandiera o su sua disposizione, coordinava e impartiva disposizioni ai sottoposti», svolgendo «mansioni operative in relazione alle azioni estorsive ed intimidatorie».

Continua a leggere su LaCnews24.

Articoli correlati

top