sabato,Luglio 13 2024

Calo dei ricorsi ma interdittive in crescita, il bilancio del Tar Calabria

Le parole del presidente del Tribunale amministrativo regionale Giancarlo Pennetti in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario

Calo dei ricorsi ma interdittive in crescita, il bilancio del Tar Calabria

«Emerge un quadro chiaroscurale. Per un verso prosegue l’iter di ripresa del calo dei ricorsi legata anche alla vicenda pandemica, però, nello stesso tempo, permane un gap che ancora sembra collegarci a quel periodo». Lo ha detto il presidente del Tar Calabria, Giancarlo Pennetti, nell’incontro con i giornalisti per l’inaugurazione dell’anno giudiziario del Tribunale amministrativo regionale.

«Spesso – ha detto Pennetti – l’andamento del contenzioso riflette gli equilibri più generali sul piano sociale ed economico di un territorio, nel caso di una regione. In fondo si tratta di un sistema che cerca di uscire ma è ancora trattenuto. C’è un calo di ricorsi di circa 200 e rotti in meno in ingresso nel 2022 rispetto al 2021: pensiamo che questo sia legato all’aumento del costo della vita e alla spirale inflazionistica nel 2022 per Omicron e la guerra, all’aumento dei costi energetici, del costo della vita e dell’impatto sulle famiglie, soprattutto in Calabria dove c’è un reddito pro capite più basso, e quindi anche il fattore di stimolo della ripresa economica che forse arranca in qualche caso, compreso quello del Pnrr. Insomma, un quadro chiaroscurale a livello economico che si riflette probabilmente sui ricorsi. Calano i ricorsi in materia di appalto, spesso non sono cali drammatici ma percepibili come significativi. Le interdittive antimafie – ha proseguito il presidente del Tar Calabria – sono sempre numerose, purtroppo, ancorché anche qui i ricorsi siano stati in diminuzione, aumenta il pubblico impiego, altre voci meno importanti sul piano statistico restano stabili».

Continua a leggere su LaC News24

Articoli correlati

top