domenica,Aprile 14 2024

Rosarno, il progetto moda sostenibile usufruirà di un bene confiscato

Il Centro avviato a Varsavia vuole essere un servizio che dia sollievo alle donne che fuggono dalla guerra in Ucraina

Rosarno, il progetto moda sostenibile usufruirà di un bene confiscato

Entra nel vivo, e si amplia, progetto “Moda Sostenibile” varato dalla UilTec regionale e dall’Istituto di istruizione superiore Piria di Rosarno. In una conferenza tenutasi nell’auditorium del liceo, è stata annunciata la prossima apertura – dentro la villa confiscata al clan Cacciola – dei laboratori di sartoria frequentati dalle corsiste della scuola serale, mentre nell’ambito della collaborazione  avviata con l’organizzazione sindacale è stato illustrato il senso della donazione di abiti da sposa fuori mercato – ricevuta da una fabbrica tessile reggina – e destinati ad una casa famiglia, “Franco Fatica si chiama, aperta in Polonia dalla fondazione Progetto Sud, una Ong interna alla Uil che si occupa di cooperazione internazionale.

Il Centro avviato a Varsavia vuole essere un servizio che dia sollievo alle donne che fuggono dalla guerra in Ucraina. Hanno partecipato all’incontro la dirigente scolastica Mariarosaria Russo, il segretario regionale Uil Santo Biondi, il segretario nazionale UilTec Daniela Piras, la coordinatrice del progetto Anna Rita Mancuso, nonché il presidente di PS, Giovanni Bellissima. È stata ribadita la volontà di portare avanti un’associazione, a cui è stato dato il nome di “Moda Circolare Calabria”, e verificare la possibilità di trasformarla in futuro in una cooperativa sociale che crei posti di lavoro per chi frequenta i corsi. La partenership che ha lanciato il progetto Moda Sostenibile persegue anche l’obiettivo di educare gli studenti al riutilizzo di materiali tessili, per abituarli alla cultura del riciclo.

Nell’occasione, il segretario Biondo ha anticipato l’obiettivo di una campagna nelle scuole che la Uil avvierà a metà del prossimo anno – coinvolgendo Siderno con la presenza del segretario nazionale Pierpaolo Bombardieri, Crotone, Catanzaro e Cosenza – per informare i più giovani sui diritti di cui potranno avvalersi una volta entrati nel mondo del lavoro.            

Articoli correlati

top