venerdì,Luglio 19 2024

Inchiesta omicidio Sanua a Milano, le precisazioni di Vincenzo Ferraro

Il 57enne di Oppido che è stato indagato per l’uccisione dell’ambulante nel 1995: «Estraneo a qualsivoglia contesto criminale»

Inchiesta omicidio Sanua a Milano, le precisazioni di Vincenzo Ferraro

«A seguito delle notizie relative alla perquisizione effettuata sugli immobili di pertinenza di Ferraro Vincenzo, lo stesso – attraverso il suo legale precisa: «Il sig. Ferraro tiene a precisare, mio tramite, come lo stesso sia totalmente ed incondizionatamente estraneo ai fatti relativi all’omicidio del sig. Sanua Pietro – della cui esistenza e successiva tragica scomparsa mai aveva avuto conoscenza – avvenuto in Milano nel lontano 1995 e vuole, altresì, rappresentare come egli non conosca nessuno dei soggetti a qualsiasi titolo menzionati nella provvisoria imputazione (per come riportata nel decreto di perquisizione che gli è stato notificato), così come non abbia cognizione alcuna dei luoghi dei fatti e, lo si ribadisce, ancor meno, della vittima di tale efferato atto di sangue.

Appare doveroso, inoltre, precisare e ribadire come lo stesso sig. Ferraro sia assolutamente estraneo a qualsivoglia contesto criminale e, meno che mai, di criminalità organizzata. Prova ne é la fedina penale dello stesso, totalmente immune da precedenti di tale natura.

Inutile dire, ancora, come il sig. Ferraro sia rimasto spiacevolmente sorpreso del coinvolgimento, suo malgrado, in questa triste vicenda che, peraltro, ha avuto amplissimo risalto mediatico a livello nazionale, con conseguente, negativa sovraesposizione della sua persona che, è bene ricordarlo, può essere, al più, evocata alla stregua di mero soggetto passivo nei cui confronti vengono svolte le indagini, senza che alcuno possa azzardare giudizi sul coinvolgimento, anche solo a livello indiziario, dello stesso sig. Ferraro nel triste fatto di reato.

Lo stesso sig. Ferraro confida, infine, che la sua totale ed assoluta estraneità ai fatti sarà presto dimostrata e resa nota dalla Magistratura inquirente».

Articoli correlati

top