martedì,Aprile 23 2024

Pagano la gita di fine anno ma non hanno i biglietti, brutta disavventura per due scuole della Piana

Le classi quinte di due istituti superiori hanno visto svanire la crociera già pagata all’agenzia

Pagano la gita di fine anno ma non hanno i biglietti, brutta disavventura per due scuole della Piana

È stato rimediato un guaio all’ultimo minuto che poteva costare caro ai ragazzi maturandi di due istituti superiori della Piana di Gioia Tauro. Ma andiamo con ordine.

Il fatto

Come è usuale, i due istituti avevano programmato come gita di fine anno. Organizzata una crociera raccogliendo le adesioni e saldando il dovuto all’agenzia ma, al momento di pianificare la partenza il viaggio è saltato.

Una dinamica ancora da chiarire che ha portato, però, ad attimi di tensione. Il tutto considerando che i ragazzi hanno rischiato non solo di vedere saltare la gita, che in realtà è stata recuperata grazie all’impegno di un’altra agenzia e della direzione scolastica, ma anche di perdere i soldi versati.

I rappresentanti di Categoria

Ad intervenire è stata proprio la direzione nazionale della categoria relativa ai fornitori servizi di servizi di questo genere agenzia di viaggi. «Ecco come può infrangersi il sogno. Dopo un anno di studi e fatiche alcuni studenti, dopo aver regolarmente pagato il loro viaggio d’istruzione e prossimi alla partenza, hanno scoperto che non c’è alcuna prenotazione e che quel viaggio. Quella nave tanto sognata attraccata al molo del porto di partenza non era per loro». A dichiararlo è Giovanni Giordano  Imprenditore Turistico, Vicepresidente Nazionale Confapi Turismo e Cultura, Presidente Confapi Turismo Calabria Delegato Regionale MAAVI  (Movimento Autonomo Agenzie di Viaggio Italiane.

«Pur non volendo entrare nelle dinamiche dell’episodio, c’è già chi si sta occupando della valutazione di fatti e responsabilità delle parti in causa, come CONFAPI e MAAVI ci preme manifestare pubblicamente la nostra profonda amarezza per quanto accaduto.

La crisi e la pandemia

Ciò offende le agenzie di viaggio e le persone perbene che gestiscono le stesse perché fatti come quello citato ledono l’immagine di tutta la categoria. Categoria che, voglio ricordare, ha sofferto molto per la crisi economica dovuta alla pandemia. Che, nonostante ciò, si è distinta per professionalità e spirito di servizio.  In particolare, quando, sempre a causa del Covid, la mobilità è stata limitata e spesso i viaggiatori, sparsi per il mondo, si sono trovati affianco ad assisterli il proprio agente di viaggio.

Le gite scolastiche

Per ritornare sull’argomento che ci sta a cuore, però, voglio dire che quanto accaduto offende non solo noi agenti di viaggio ma tutta la comunità scolastica. Una comunità fatta per la stragrande maggioranza di persone serie, professionali e responsabili. A tutela della comunità scolastica, oltre che delle agenzie di viaggio, come CONFAPI TURISMO e MAAVI desideriamo dare delle precise indicazioni. Al fine di scongiurare nei limiti del possibile anche fatti come quello citato.

Innanzitutto, le scuole devono sapere che non possono affidare un viaggio d’istruzione ad imprese diverse dalle agenzie di viaggio. In particolare, quando trattasi di un viaggio che prevede almeno due servizi. Per esempio, il vettore più un servizio alberghiero, poiché ciò rientra nella fattispecie del pacchetto turistico e la legge prevede che l’erogazione di tale servizio sia affidato alle agenzie di viaggio.

Le agenzie di viaggio

Come si può individuare se un’impresa è un’agenzia di viaggio ed in regola con gli adempimenti previsti dalla legge? Basta richiedere copia della licenza con il relativo rinnovo annuale. Copia di assicurazione di responsabilità civile, nome del direttore tecnico iscritto all’albo, certificato aggiornato del Fondo di garanzia e la visura camerale aggiornata.

Quest’ultimo è un documento che andrebbe richiesto dalle scuole prima che un’agenzia venga iscritta al proprio albo dei fornitori. E che dovrebbero esigerlo sempre quando vengono richiesti dei preventivi. Nella prima pagina della visura viene riportato il codice ATECO, che individua senza margine d’errore se l’impresa è veramente un’agenzia di viaggio. Questo codice, lo diciamo anche per qualche sporadico dirigente scolastico distratto, è il 79.11. Dunque sbagliare è umano e ciò vale per tutti. Controllare con cura e affidarsi ad agenzie di viaggio qualificate ed in regola non dovrebbe essere consigliato, ma obbligatorio!».

Articoli correlati

top