domenica,Novembre 29 2020

Maurizio, da Reggio Calabria, sbanca “I soliti ignoti”: «Ma non lo rifarei»

Il concorrente porta a casa 145mila euro ma, racconta «È stata un'esperienza emozionante che ha messo a rischio le mie coronarie»

Maurizio, da Reggio Calabria, sbanca “I soliti ignoti”: «Ma non lo rifarei»

Un concorrente di Reggio Calabria porta a casa ben 145mila euro dalla trasmissione “I soliti ignoti” su Rai Uno. Si chiama Maurizio, ha 35 anni ed è medico anestesista e ieri sera, nel quiz al cardiopalma condotto da Amadeus, è riuscito a racimolare un bel gruzzoletto. Tra un turno e l’altro all’ospedale, siamo riusciti a raggiungerlo ed a farci raccontare qualcosa dell’esperienza vissuta in Rai.

Come nasce la partecipazione alla trasmissione?
«In realtà – confessa – non sono un grande amante della televisione, in genere passo il mio tempo libero facendo altro. Però questa trasmissione mi attrae perché oltre ad esserci la componente della fortuna c’è anche una buona dose di intuito. La partecipazione è nata un po’ così casualmente. Un giorno mi sono iscritto al casting, ho fatto il casting qui a Reggio e, dopo qualche settimana, sono stato chiamato per fare il programma. La registrazione è stata a Roma, al teatro delle Vittorie».
Che esperienza è stata?
L’esperienza è stata bella, molto emozionante. Anche se per questioni di sicurezza ci sono molti controlli. In trasmissione sono tutti molto simpatici: dal truccatore, alle costumiste e alle ragazze della Endemol che è la società che si occupa del programma. Anche Amadeus è molto simpatico, anche se non abbiamo interagito molto al di fuori della registrazione, non l’ho conosciuto prima di iniziare. La sua dote è quella di riuscire, da conduttore, a mettere a loro agio i concorrenti. È stata un’esperienza emozionante che non rifarei perché sono ballo le coronarie». E se lo dice lui che è medico, non possiamo che credergli…
Il pagamento arriverà dopo sei mesi dalla fine del programma, che si concluderà a febbraio. Quando gli chiediamo che cosa farà con il bottino risponde: «Mi piace viaggiare».