martedì,Novembre 24 2020

SpazioTeatro, con “Hermanos” in scena il dramma dell’emigrazione

Stasera e domani l'appuntamento con lo spettacolo ambientato negli anni '50 in Argentina

SpazioTeatro, con “Hermanos” in scena il dramma dell’emigrazione

Uno spettacolo che si snoda tra passioni e ambizioni quello in scena a SpazioTeatro. Il prossimo appuntamento della stagione teatrale “La casa dei racconti” ha riservato al suo pubblico un altro appuntamento di qualità: questa sera alle ore 21 con replica domani 2 febbraio alle 18:30 a Reggio Calabria arriva “Hermanos”, la storia di due giovani emigranti che tra loro si chiamano fratelli, non perché siano consanguinei, ma perché sono entrambi orfani, orfani di una terra che era anche la loro madre.

Lo spettacolo, nonostante sia ambientato negli anni ’50, assume tratti fortemente contemporanei: i due vivono in un quartiere operaio e porteño di Buenos Aires, lottano ogni giorno per non dimenticare le loro radici e per radicarsi in questo nuovo orizzonte. Sono molto diversi, uno è viscerale e istintivo, l’altro è razionale e cerca di avere il controllo su tutto. L’Italia del dopoguerra ha generato e poi lasciato al proprio destino due creature così diverse: il fradi friulano e lu fratell abruzzese.

I due hanno in comune la passione per la boxe e il desiderio di affermarsi. Ma il destino li metterà uno contro l’altro: il destino li farà innamorare della stessa ragazza. “Hermanos” nasce dall’esperienza teatrale vissuta in Argentina, Uruguay e Paraguay dagli attori e registi Giuliano Bonanni e Stefano Angelucci Marino in scena con Chiara Donada e Rossella Gesini grazie a una produzione del Teatro Stabile d’Abruzzo, in collaborazione con il Teatro del Sangro e l’Associazione Culturale “Luigi Candoni”.