“Connessioni in forma di rosa”, la terza edizione della Festa delle Rose è online

La terza edizione domenica 24 maggio, organizzata da Marò D’Agostino, fondatrice e custode della Casa delle Erbe della Locride di Antonimina, e curatrice dell'evento
La terza edizione domenica 24 maggio, organizzata da Marò D’Agostino, fondatrice e custode della Casa delle Erbe della Locride di Antonimina, e curatrice dell'evento

La Festa delle Rose è uno degli appuntamenti annuali di punta della Casa delle Erbe e delle AgriCulture della Locride, unica festa delle rose in Calabria. “Connessioni in forma di rosa” è il titolo della terza edizione che, quest’anno, sarà online domenica 24 maggio. «Riceviamo molte sollecitazioni per riproporla e abbiamo deciso di non disattendere i desideri dei soci e dei sostenitori e, date le limitazioni anti contagio da Covid19, imposte o suggerite dai decreti o dal buon senso, abbiamo pensato di fare comunque una festa, di quelle che possano rimanere nella memoria dei partecipanti», dice Marò D’Agostino, fondatrice e custode della Casa delle Erbe della Locride (sita ad Antonimina, in provincia di Reggio Calabria) e curatrice della Festa. «E se parliamo di memoria non è difficile arrivare a parlare di olfatto, tra quelli principali, il più profondo e trasversale dei sensi.

Come farlo se non coinvolgendo in un meeting-web alcuni esperti, capaci al meglio, ognuno nel proprio settore, di trasportarci in una dimensione sottile, immateriale e assolutamente affascinante?». Sarà Giuseppe Squillace, docente di storia antica all’Unical e autore di numerose e importanti monografie sul profumo nel mondo antico, ad avviare un viaggio nel tempo a partire dal mito di Afrodite con i suoi balsami antichi e ancora persistenti. Mentre il famosissimo “naso” Laura Bosetti Tonatto, conosciuta in tutto il mondo, crea profumi per le maggiori case cosmetiche e mélange su misura, tra cui una collezione per la regina Elisabetta, per accompagnerà i partecipanti nella suggestione sensuale dei profumi dell’arte: un binomio irresistibile.

Nella seconda parte della conferenza, tornando dal viaggio temporale e guidati dall’imprenditore eretico e scrittore Massimiliano Capalbo, fondatore del parco eco-esperienziale Orme nel Parco, faremo la conoscenza dei giardini terapeutici, nuova e necessaria frontiera per la cura e il benessere fisico e mentale delle persone. La sociologa del gusto e dell’olfatto Sandra Ianni, esperta in cultura dell’alimentazione e delle tradizioni enogastronomiche, concluderà con una scoppiettante e raffinata presentazione di ricette e sfiziosità alla rosa da gustare con gli occhi ma chissà… forse non solo! A condurre il tutto Marò D’Agostino, artista e appassionata giardiniera del suo roseto.

Per partecipare all’evento sul web basta prenotarsi al +39 3394018497 o sulla pagina facebook https://www.facebook.com/Casadellerbe/.

Per l’occasione sarà prodotta, a cura del Circolo Casa delle Erbe e di Sandra Ianni, una dispensa che potrà essere richiesta dopo il meeting. Un volumetto sfizioso e “gourmant” con le ricette culinarie e i preparati per la bellezza, tutti centrati sull’uso delle rose. Nella parte introduttiva c’è il racconto di un’avventura chiamata Casa delle Erbe della Locride, nata nel 2006, che rappresenta il percorso personale professionale e artistico della fondatrice che s’interseca con delle domande generali, più che mai attuali, di trasformazione sociale e con l’urgenza di dar senso ai territori e di riequilibrarne il rapporto con la natura. Una sorta di ricerca di un modello armonico per vivere; in un microcosmo di diversità dove si tenta di custodire i valori peculiari di quella magnifica terra che è la Calabria.