mercoledì,Novembre 25 2020

Nel 2021 si festeggia il decennale dell’associazione “Famiglia ventura”

La decisione di allestire una mostra d'arte da organizzarsi nella prossima estate. Si conferma l'impegno nella promozione della lettura

Nel 2021 si festeggia il decennale dell’associazione “Famiglia ventura”

«Il 2021 ricorrerà il decennale dell’associazione “Famiglia Ventura”, anniversario che si è deciso di festeggiare con una mostra d’arte da organizzarsi la prossima estate. Tra gli artisti con cui abbiamo collaborato in questi anni, hanno già manifestato la propria adesione i pittori Rossana Corsaro e Nicola Casile, gli artigiani Donatella Mannuzza e Giuseppe Russo, gli scultori Fortunato Violi, Francesco Cento e Nelson Carrilho. L’esposizione sarà affiancata da una serie di incontri e dibattiti culturali».

Lo dichiara il presidente Francesco Ventura, in una nota stampa rilasciata a conclusione della seduta di Consiglio Direttivo di fine mandato. Il prossimo febbraio infatti l’Assemblea dei Soci sarà chiamata ad eleggere un nuovo presidente, il quale, secondo Statuto, non potrà essere lo stesso Francesco Ventura, avendo questi già ricoperto tale incarico per due mandati consecutivi.

«In consiglio abbiamo deliberato l’adesione all’iniziativa “2021 – Anno dei Greci di Calabria”, al cui calendario contribuiremo promuovendo o partecipando ad almeno tre eventi, fra cui il Convegno dedicato a Franco Mosino – prosegue il presidente Francesco Ventura – In merito alla prossima edizione del Convegno, la sesta, posso già anticipare che si svilupperà secondo i canoni del movimento d’opinione “Save Italy”, per come concordato lo scorso gennaio col critico d’arte Philippe Daverio. Concludo il mio mandato con la soddisfazione di avere siglato un accordo di collaborazione tra l’Associazione ed il Museo Archeologico di Reggio, un importante attestato di qualità a coronamento dell’operato dell’Associazione».

Si conferma l’impegno della “Famiglia Ventura” nella promozione della lettura nell’area metropolitana, il quale proseguirà però senza la creazione di nuove Biblioteche, per come invece fatto nell’ultimo decennio in tutta la Provincia. Tra le novità in vista vi è la certezza di un nuovo Statuto e forse anche l’avvio per il riconoscimento della personalità giuridica dell’associazione.