sabato,Febbraio 27 2021

“Blob”, l’installazione di Rogolino che trasforma i new jersey in opera d’arte

L'idea targata Cafè Noir di Santo Cama contiene in sè anche un messaggio di denuncia e un appello agli amministratori

“Blob”, l’installazione di Rogolino che trasforma i new jersey in opera d’arte

Un’enorme gomma da masticare rosa che cola e divora un lingotto d’oro. Un vero e proprio “Blob” di colori per rappresentare il momento che stiamo vivendo. Per provare a ricercare il bello all’interno della triste congiuntura di pandemia che ha obbligato ristoranti, bar ed esercizi commerciali a forzate chiusure e, spesso, a dotarsi di misure di sicurezza che offendono la vista. Così come è il caso degli ormai famigerati new jersey che proteggono i gazebo di bar e bistrot.

Da qui nasce l’idea partorita dal proprietario  del Cafè Noir Santo Camae dall’artista reggino Roberto Rogolino che hanno voluto dare un segnale. Anche un blocco di cemento, imposto dall’Amministrazione comunale come protezione obbligatoria (e molto discutibile), può essere abbellito e diventare accogliente. Certo servono intraprendenza, originalità e senso del bello. Tutte qualità che spesso sono mancate e continuano a mancare alla nostra classe dirigente.

Nel decorare con la sua “Street Pop Art” il blocco di cemento, però, Rogolino ha voluto lanciare anche un avvertimento. La gomma, seppure innocua, morbida e dai colori accattivanti, rischia di inghiottire la nostra economia mangiando il lingotto. Come a dire: senza interventi adeguati non ci si potrà salvare da soli.

«L’opera nasce come intervento decorativo richiesto dal proprietario del Cafè Noir Santo Cama che spesso ha messo a disposizioni di artisti e musicisti il suo locale – spiega Rogolino – Questa volta però non si parla di mera arte che ricerca il bello. L’installazione contiene anche un messaggio di denuncia ispirato dal periodo che stiamo attraversando e dalle difficoltà incontrate dallo stesso locale, colpito dalla crisi».

In qualche modo in questa idea, che mette insieme imprenditori e artisti si legge anche un appello ai cittadini, ai rappresentanti delle categorie produttive e ai governanti: servono idee, fantasia, intraprendenza e sinergie per superare l’attuale fase di stallo. Ma soprattutto governi che, a tutti i livelli, sappiano costruire barriere adeguate perché “Blob” rimanga rosa e magari si gonfi in un palloncino, mentre il lingotto possa servire ad una rapida ripresa economica che nella nostra città non può fare a meno della piccola e media impresa.