sabato,Febbraio 27 2021

RHEGION, LE VIE DELLA STORIA | Percorrendo Viale Domenico Genoese Zerbi

Il Marchese Domenico Genoese Zerbi nacque a Reggio Calabria il 9 aprile del 1824. Fu eletto per due volte al Parlamento del Regno d’Italia e sindaco tre volte

RHEGION, LE VIE DELLA STORIA | Percorrendo Viale Domenico Genoese Zerbi

di Giuseppe Cantarella – Viale Domenico Genoese Zerbi è quel bel viale con in mezzo lo spartitraffico alberato, anche con esemplari di Arancio amaro, che da Piazza Indipendenza si dirige verso il porto, all’incrocio con Viale Umberto Boccioni, là dove da poco è stata costruita un’ampia rotatoria che snellisce il traffico automobilistico, soprattutto quello in arrivo dalla sopraelevata.

Il Marchese Domenico Genoese Zerbi (9.4.1824 – 16.5.1897) nacque a Reggio Calabria il 9 aprile del 1824. Fu eletto per due volte al Parlamento del Regno d’Italia: una prima volta nel 1874, una seconda volta nel 1876, e conservò tale carica fino al 1880.

Fu Sindaco di Reggio Calabria in tre distinte occasioni: la prima volta, dal 2 febbraio 1867 al 19 settembre 1868; una seconda volta, dal 1° agosto 1870 al 2 novembre 1874; la terza volta, dal 7 dicembre 1884 al 12 febbraio 1886.
Da http://www.genmarenostrum.com/comitato.htm apprendiamo che : “ … Il Cavaliere Domenico ebbe, da S.M. il Re Vittorio Emanuele II, Re d’Italia, la grazia di succedere al titolo marchionale già esistito in un ramo estinto della famiglia (il ramo del Marchese di Montecorvino, estinto nel Salernitano) sul proprio cognome … Per devozione alla madre, il Marchese Domenico Genoese usò, in aggiunta al suo, il cognome della madre donna Clementina Zerbi e con tale doppio cognome denunciò all’anagrafe i suoi discendenti diretti”.

Pertanto, anche per lo spazio alberato a Pino marittimo che sorge sul lato occidentale del viale, è corretto usare la denominazione di “Pineta Genoese Zerbi”.

Una curiosità che riguarda il personaggio, proveniente dai nostri studi sulla storia della Camera di Commercio di Reggio Calabria e sulla ricostituzione della Scuola Nautica: nel 1875 il Marchese Genoese Zerbi aveva messo a disposizione della Scuola Nautica un suo fabbricato “nel locale detto i Giunchi” (quindi presso il costruendo porto: il Marchese ne aveva inaugurato i lavori di costruzione il 15 dicembre 1872, in occasione di una solenne cerimonia, con un simbolico colpo di zappa) per consentire al Direttore della Scuola, il Professore Jeremiah, di svolgere, in tutti i giorni di domenica e di giovedì alle ore 10, il corso di insegnamento e di esercizi pratici sull’uso dei segnali marittimi per mezzo delle bandiere e dei globi semaforici, secondo l’ultimo Codice Internazionale dei segnali.