martedì,Maggio 11 2021

RHEGION, LE VIE DELLA STORIA | Percorrendo via Pietro Foti

Pietro Foti fu un importante personaggio all’interno della massoneria reggina, dove ricevette, nel 1891, il grado di venerabile. Morì il 25 ottobre del 1909

RHEGION, LE VIE DELLA STORIA | Percorrendo via Pietro Foti

di Giuseppe CantarellaVia Pietro Foti comincia da Corso Giuseppe Garibaldi e finisce su Corso Giacomo Matteotti, e passa dalla parte posteriore del palazzo della Città Metropolitana, e lambisce pure, all’isolato successivo, l’edificio del Banco di Napoli e quello delle Poste.

Pietro Foti nacque a Reggio il 14 gennaio del 1828. Partecipò al tentativo di insurrezione del 2 settembre del 1847, in seguito andò in esilio a Costantinopoli. Nel 1861 rientrò in Italia e, nello stesso anno, fondò a Reggio Calabria la Società Artistico Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione. Fu dapprima eletto consigliere comunale nel 1862, ed in seguito anche consigliere provinciale. Fu Sindaco della nostra città fra il 1889 ed il 1891.

Per quanto riguarda la storia della Società Artistico Operaia di Mutuo Soccorso ed Istruzione, ci sembra interessante raccontare un episodio avvenuto nel 1886, in occasione dei festeggiamenti del 21 agosto, data che ricorda l’ingresso di Garibaldi a Reggio. L’altro sodalizio reggino, la Società Operaia di Previdenza, aveva richiesto al Prefetto l’autorizzazione a festeggiare l’evento. I vertici della Società Artistico Operaia, allora, con il Presidente Demetrio Capua, posero il quesito per stabilire quale delle due Società dovesse avere la precedenza in occasione del corteo, ed interessarono addirittura il Ministero competente.

Pietro Foti fu un importante personaggio all’interno della massoneria reggina, dove ricevette, nel 1891, il grado di venerabile. Morì il 25 ottobre del 1909.

Di Pietro Foti è conservato, presso la Pinacoteca civica, un prezioso ritratto, di autore ignoto.

top