domenica,Settembre 26 2021

Gerace, presentata la guida ai siti archeologici del Parco d’Aspromonte

Il direttore editoriale Arilotta: «44 aree censite e schedate, oltre 130 pagine di immagini descrittive che connotano la grande passione e minuziosità del lavoro svolto»

Gerace, presentata la guida ai siti archeologici del Parco d’Aspromonte

In Aspromonte, dove la natura incontra l’Archeologia, i tempi antichi diventano patrimonio del presente. È stata presentata nella piazzetta delle Tre Chiese della Chiesa di San Francesco a Gerace, la Guida ai siti archeologici del Parco Nazionale dell’Aspromonte, realizzata da Lino Licari, edita da Kaleidon con il fondamentale contributo dell’Ente Parco.

L’incontro, moderato dal direttore editoriale di “Kaliedon” Filippo Arillotta, ha visto la partecipazione oltre che dell’autore, di Stefano Scaravilli e Andrea Maria Gennaro della Sovrintendenza archeologica, di Domenico Re vicepresidente nazionale gruppi archeologici, del Funzionario delegato del Parco Silvia Lottero, con le conclusioni affidate al presidente del Parco Nazionale dell’Aspromonte Leo Autelitano.

«La Guida – ha spiegato Filippo Arillotta- costituisce un nuovo strumento di conoscenza dell’ Aspromonte, con 44 siti archeologici censiti e schedati, oltre 130 pagine di immagini descrittive che connotano la grande passione e minuziosità del lavoro svolto».

Lino Licari, Guida ufficiale del Parco, nel corso degli anni in cammino tra i sentieri e i luoghi più interni dell’Aspromonte, ha osservato e registrato le emergenze storico archeologiche che sono ancora custodite dalla grande montagna calabrese, andando a comporre uno strumento finale che sarà utile non solo per i visitatori ma anche per chi voglia approfondire la storia dell’Area protetta.

Il carattere «innovativo del volume per una nuova lettura del territorio” è stato evidenziato dai rappresentanti della Sovrintendenza archeologica Stefano Scaravilli e Andrea Maria Gennaro, mentre il Funzionario delegato del Parco, Silvia Lottero ha parlato di “opera meritevole, frutto di un lavoro certosino, di collaborazione tra Enti che permette il raggiungimento di risultati importanti in chiave turistica ed in questo caso anche editoriale».

«La Guida – ha spiegato il Presidente Leo Autelitano – rappresenta un ulteriore valore di novità per l’Aspromonte, è la testimonianza di quanto nell’antichità la nostra montagna sia stata sede di insediamenti e presenza di comunità diversificate. Non una montagna disabitata, selvaggia – ha proseguito Autelitano nel suo intervento – ma luogo apprezzato, scelto, vissuto e attrezzato con insediamenti, fortificazioni, percorsi interni, conventi. Questa Guida è uno sforzo di ricerca e di valorizzazione che l’ Ente Parco apprezza e sostiene perché accresce ulteriori percorsi di fruizione sostenibile della natura e del contesto ambientale e montano. L’opera è innovativa – ha concluso il presidente del Parco – condotta con grande attenzione, rigore e passione da Lino Licari che è riuscito a mettere al centro l’aspetto archeologico assicurando anche un taglio naturalistico, legando i due aspetti in un processo fisiologico».

Lino Licari dopo aver ripercorso le fasi che hanno condotto alla realizzazione della guida ha anche presentato alcune immagini di altri siti già individuati durante le sue attività e che a breve saranno ulteriormente approfonditi e studiati per una possibile ampliamento della Guida, trovando pieno appoggio nei rappresentanti dell’Ente Parco per l’implementazione delle ricerche e della pubblicazione.

top