venerdì,Agosto 19 2022

Festival Ecojazz a Reggio, al via la 31esima edizione

Gli eventi frutto d’impegno e abnegazione, l’associazione Art Blakey, ideatrice del festival e di altre attività legate al tema della legalità

Festival Ecojazz a Reggio, al via la 31esima edizione

Riparte con inaspettato entusiasmo, contrariamente a quanto in modo pessimistico ipotizzato, la 31^ edizione del Festival Ecojazz “per non dimenticare” dedicato alla memoria del giudice Scopelliti e di tutte le vittime per la giustizia.

Come si legge in una nota: «Dopo le due ultime edizioni “covidiane”, gestite in modo alquanto temerario per amore della continuità di una iniziativa che ha voluto mantenere sempre viva la sua funzione ed essere frutto d’impegno e abnegazione, l’associazione Art Blakey, ideatrice del festival e di altre attività legate al tema della legalità così come deciso dai pellaresi della Nuova Resistenza che, all’indomani dell’assassinio del Giudice Antonino Scopelliti e poi di Falcone e Borsellino, hanno dato il via ad una programmazione di progetti  finalizzati a trasmettere nel tempo con una forte “eco” alle nuove generazioni l’esempio delle vittime per la giustizia nel nome di una legalità necessaria per lo sviluppo democratico delle società conservandone la loro memoria storica.

Quindi Ecojazz non è una fucina per fare conoscere questa musica che più di altre espressioni artistiche rappresenta i valori della libertà, della solidarietà, della diversità, della pace. Certamente è anche questo e lo sta a dimostrare il progetto “La storia di un bambino scalzo e la sua tromba, Louis Armstrong” che negli anni ha coinvolto oltre mille bambini delle scuole elementari di Reggio Calabria e provincia. O anche quello sulla frase scolpita sulla stele al Giudice Scopelliti della Piazza Vittorio Veneto di Pellaro eretta proprio dai pellaresi della Nuova Resistenza: “Io non ho paura delle urla dei violenti, ho paura del silenzio degli onesti” di M. L. King che ha coinvolto oltre mille bambini della scuola media sempre di Reggio e provincia.

E, per finire: “Louis Armstrong dentro e fuori dal grande schermo” in alcune scuole superiori della città. Progetti costruiti sapientemente dall’associazione con il contributo di importanti musicologi. Progetti che senza nominare mai la parola razzismo o diversità hanno lasciato un segno educativo profondo nei partecipanti difficile da cancellare. Menzioniamo, per andare sempre in questa direzione di lotta al razzismo, l’iniziativa che ha visto a Reggio Calabria la Ministra per l’immigrazione Cecil Kienge ritirare il premio “Riconoscimento donna fuori dagli abissi” istituito proprio dall’associazione Art Blakey. E ancora: le undici edizioni di Obsession Jazz per “La giornata Internazionale della Musica Jazz” istituita dall’UNESCO, ecc. ecc.

Centinaia di musicisti la cui elencazione sarebbe troppo lunga, noti in tutto il pianeta, hanno calcato il palco di Ecojazz. V’è stato in questo percorso, affrontato sempre temerariamente, la soddisfazione di Ecojazz per avere avuto conferito dalla Fondazione Antonino Scopelliti il “premio 2020 impegno sociale”. Dopo il Parco Ecolandia, che si ringrazia per i fattivi contributi di collaborazione, a dare nuova linfa a questa 31^ edizione, è l’associazione Zefiro. Per queste motivazioni a supporto del festival mai l’associazione Art Blakey ha chiesto alle istituzioni “corsie privilegiate” per contributi in bilancio e quant’altro.

Tutt’altro! Oggi, con molta umiltà e dedizione, offriamo al Comune di Reggio Calabria e alla Città Metropolitana, la gestione diretta di Ecojazz festival come patrimonio della città. Per noi una doverosa collaborazione per l’enorme esperienza maturata in tutti questi anni».    

top