sabato,Febbraio 4 2023

Al museo di Reggio domani un viaggio tra l’astronomia e archeologia

Continuano gli appuntamenti al MArRC sotto le stelle, sulla terrazza panoramica che affaccia sullo Stretto

Al museo di Reggio domani un viaggio tra l’astronomia e archeologia

Domani, giovedì 25 agosto, alle ore 21:00, il planetario Pythagoras- Città Metropolitana di Reggio Calabria in sinergia con il MArRC guiderà il pubblico in un itinerario tra astronomia ed archeologia.
Durante la serata, Giuseppe Ciancia, esperto di antropologia culturale, offrirà una spiegazione del legame che intercorre tra il mare e la navigazione astronomica.


«Il tema, legato alla costellazione della Balena, che il dottore Giuseppe Ciancia, esperto del Planetario Metropolitano, tratterà durante la serata, ci riporta alle nostre origini magno-greche, di cui il nostro museo
è testimone. Qual è il legame tra la costellazione della Balena ed il drago di Caulonia scoperto negli anni ’60 a Monasterace Marina? La costellazione della Balena ha origini mediterranee? Cosa la lega al mare e alla navigazione astronomica? Giuseppe Ciancia risponderà ai quesiti attraverso un viaggio nello spazio e nel tempo ricco di suggestioni, emozioni e punti di contatto tra la storia dell’astronomia e la geografia mitica del periodo arcaico», afferma la direttrice del Planetario Pythagoras, Angela Misiano.

Alla conversazione di Giuseppe Ciancia seguirà un momento suggestivo in cui, grazie a strumenti messi a disposizione dallo staff del Planetario, sarà possibile osservare il cielo con tutte le costellazioni visibili.
«La serata in programma per giovedì 25 agosto con il Planetarium Pythagoras è frutto delle sinergie ormai consolidate con le istituzioni, gli enti e le numerose associazioni operanti sul territorio, volte a
confermare il ruolo del MArRC quale principale attrattore culturale e inclusivo. Ringrazio la professoressa Angela Misiano per il suo costante entusiasmo nel diffondere conoscenze scientifiche anche tra il grande pubblico. Lavorare insieme resta il modo più efficace per celebrare il Cinquantesimo Anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace», afferma Carmelo Malacrino, direttore del Museo. 

top