domenica,Febbraio 5 2023

Ardore, concluso il convegno “La Donna nel XXI secolo: tra violazioni e rivoluzioni”

Al termine sono stati consegnati i premi Epizephiry 2022 per l'arte

Ardore, concluso il convegno “La Donna nel XXI secolo: tra violazioni e rivoluzioni”

Sabato 22 Ottobre 2022 nella suggestiva sala del Castello di Ardore si è svolto il convegno dal titolo “La donna nel XXI secolo: tra violazioni e rivoluzioni”, organizzato dall’associazione di promozione sociale Azulejos International con il patrocinio del Comune di Ardore e l’Alto patrocinio dell’Accademia Alti Studi Zaleuco. 

I saluti istituzionali di Maria Caserta, vice sindaco di Ardore, e di Renato Mollica, Presidente di Azulejos, hanno aperto gli interventi, coordinati dalla giornalista Maria Teresa D’Agostino.  A Giuseppe Campisi, Sindaco di Ardore, sono andati i saluti e i ringraziamenti, debitamente impressi in un attestato.  Tre donne al tavolo, competenti e appassionate, hanno presentato relazioni interessanti che puntavano sul racconto e l’analisi del soggetto femminile, sciolto in un’operazione storica, sociale, politica e culturale, per cercare quante più soluzioni concrete possibili a trattenere e risolvere rivoluzioni di donne e lotte per i diritti. 

Antonella Camarda, funzionario del Tribunale di Locri, ha tracciato percorsi di donne nelle varie epoche, soffermandosi sulle legislazioni dominanti e anche più nascoste. Il diritto all’aborto, il diritto al voto, il diritto al lavoro: una supremazia dell’uomo, una difficoltà costante, gli stati del mondo a confronto tra carte costituzionali e dichiarazioni internazionali. Un grave ritardo per la donna che cade, anche, dolorosamente nella violazione fisica e ripetuta. 

Federica Mollica, vice presidente di Azulejos, ha lanciato un forte richiamo all’azione, guardando al futuro. Le donne che corrono alla partecipazione politica e istituzionale, le conseguenze e le risposte della società. La citazione di carriere che hanno invertito la rotta, la lettura di dossier tecnici per presentare percentuali e punteggi dell’Italia nel panorama europeo in merito al gap di genere. Lo stato che deve dare atto a riforme economiche e sociali, prima ancora che giuridiche. Il punto di vista comparato ha rafforzato il filo del discorso che ha presentato la storia come un ciclo, fatto anche di involuzioni e ha toccato le corde emotive guardando al panorama attuale. 

Vittoria Camobreco, giornalista e scrittrice, ha presentato le sue donne magnogreche. Un’aria romantica, tra filosofia e saggezza; un’anima sensibile. L’attaccamento al territorio e l’eco di modelli comportamentali delle donne contemporanee ricevuto dall’antica Grecia. Nosside, Persefone, Demetra, esempi e scoperte; la venerazione di Afrodite, la prostituzione sacra, i modi di essere e i modi di fare. Icone di modernità, non nel più puro termine di emancipazione, ma di lasciti e normalità. Oggi, vittime di continue discriminazioni, ma sempre intrise di quegli istinti primordiali verso vita e libertà. 

La forza delle parole ha coinvolto il pubblico presente, attento e partecipe. Due gli interventi di uomini che le donne le hanno amate nel loro lavoro e con le loro opere.  Cosimo Sframeli, ex comandante dei carabinieri, scrittore e senatore accademico dell’Accademia Zaleuco, ha lasciato la sua testimonianza: quelle donne che piangevano negli anni bui dei sequestri perché maltrattate e private della loro igiene, intimità e spirito. La ‘ndrangheta che plasma la donna come “canna al vento”, parafulmine dell’illegalità e vedova di anime spente. Un sottile filo religioso misto alla laicità viva, come due parti della stessa medaglia, hanno regalato alla donna parole di sostegno e bellezza. 

Francesco Brancatella, ex inviato speciale del Tg1 e amico del presidente Renato Mollica, con il quale si è convenuto al termine dell’evento di continuare insieme sulla scia della promozione socio-culturale, ha fotografato con frasi nette una realtà difficile. Il documentario che realizzò nelle regioni del Sud Italia aveva come protagoniste donne dal cuore lacerato, donne comandate e porte in faccia. Fatti quotidiani, quelli dei vicoli e delle strade, racchiusi preziosamente in una mente brillante. 

Al termine sono stati consegnati i premi Epizephiry 2022 per l’arte. Ad essere premiati eccezionali artisti che con la loro opera hanno contribuito alla realizzazione della “Casa degli artisti” (idea e progetto di Renato Mollica per la riqualificazione della casa dei nonni lasciata in eredità nel paese natale di Sant’Ilario dello Ionio): Mariella Costa (la quale ha anche esposto in sala un’opera inedita intitolata “Donna e Madre” per dare un’impronta visiva al tutto), la stessa Vittoria Camobreco, Angela Panetta, Luigi Perenz, Alberto Trifoglio, Alessandro Corda.

top