venerdì,Giugno 14 2024

Seminara, la Street Art esalta la Magna Grecia

Soddisfazione per l’opera degli studenti dell’Accademia di Belle arti, nell’ambito del progetto della Città metropolitana

Seminara, la Street Art esalta la Magna Grecia

Nell’ambito del progetto della Città Metropolitana Street Art “la Tematica Magna Grecia” in occasione del 50° del ritrovamento dei Bronzi di Riace, Seminara ha voluto ricordare con l’opera di Ilenia Iozzo ed Emanuele Neri studenti dell’Accademia delle belle arti, uno dei suoi grandi figli traduttore dei poemi Omerici, Leonzio Pilato. La raffigurazione dell’Odissea dove le figure di Penelope ed Ulisse si stagliano tra l’azzurro del mare e i vari miti del grande poema, Scilla, Polifemo, le Sirene.

Il Delegato alla Cultura Domenico Scordo per celebrarlo ricorda lo scritto di Giovanni Boccaccio – “Mia è la gloria di essermi giovato, primo fra i Toscani, delle poesie elleniche. […] Io certamente fui il primo a ricondurre nell’Etruria, a mie spese, i libri d’Omero e alcuni altri greci. […] Io fui che, primo fra gli Italiani, udii in privato l’Iliade da Leonzio Pilato. Io, inoltre, mi adoperai a che si leggessero in pubblico i carmi omerici […] e certo, qualora quell’uomo instabile fosse rimasto più a lungo presso di noi, assai di più avrei imparato”.

«Nella cala consiliare della Città Metropolitana una grande stele in marmo dell’artista Monteleone, che rappresenta il territorio reggino vi é raffigurata la Scuola di Barlaam, Leonzio Pilato insieme al suo maestro che impartisce lezioni di greco al Boccaccio ed al Petrarca, contribuendo così alla fine del medioevo e alla nascita dell’ umanesimo, la memoria dei greci trasmessa ai latini».

Scordo ringrazia il Delegato della Cultura della Metrocity Filippo Quartuccio e i dirigenti del settore: «Seminara uno scrigno culturale da valorizzare e tutelare – conclude Scordo – un primo passo verso una riqualificazione e il restyling dei nostri spazi urbani».

Articoli correlati

top