martedì,Febbraio 27 2024

Il teatro arriva “all’improvviso” in Calabria, nel Reggino tappe a Palmi e Camini

In cartellone 15 spettacoli in 15 location, 2 prime nazionali e oltre 50 maestranze calabresi coinvolte

Il teatro arriva “all’improvviso” in Calabria, nel Reggino tappe a Palmi e Camini

Un titolo che riecheggia un coro e che vuole essere monito per grandi e piccoli verso la cultura e il teatro. Si chiama Un giorno all’improvviso #Festival ed è il nuovo progetto speciale firmato da Fondazione Armonie d’Arte in collaborazione con L’AltroTeatro e Nastro di Mobius, che animerà la Calabria dal 3 al 31 dicembre 2023 in 15 location diverse nelle 5 province calabresi con una proposta di oltre 30 appuntamenti in cartellone ad ingresso gratutio.

Da Palmi a Camini, da Serra San Bruno a Le Castella, da Borgia ad Altomonte, il teatro contemporaneo arriverà all’improvviso portando il meglio della scena calabrese nei luoghi non deputati, anche in paesi dove non esistono spazi teatrali, e nei principali teatri delle cinque province, per un’offerta in grado di congiungere beni immateriali, come il teatro, con i suoi artisti e le sue storie, con beni storici, culturali e naturalistici, in un format unico in Regione.

Il progetto, co-finanziato dal PSC Piano di Sviluppo e Coesione 6.02.02 erogate ad esito dell’Avviso “sull’avviso Attività Teatrali – progetti Speciali” della Regione Calabria – Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità – Settore Cultura”, unisce idealmente non solo i luoghi di provincia ma i principali attori della scena contemporanea calabrese.

In cartellone 15 spettacoli in 15 location, 2 prime nazionali e oltre 50 maestranze calabresi coinvolte per dar voce e coinvolgere professionisti del settore e territori in momenti di confronto con il pubblico che diventa non solo spettatore ma partecipe di qualcosa che inaspettatamente accade, qui e ora, proprio come il teatro.

«Riuscire a creare un’occasione di incontro tra realtà che operano sul territorio non solo per far rete, ma per cooperare alla creazione di un format unico che unisca patrimonio storico e naturalistico a quello immateriale delle tante maestranze, è già un traguardo – commentano gli ideatori Chiara Giordano (Fondazione Armonie d’Arte), Gianluigi Fabiano (L’AltroTeatro) e Saverio Tavano (Nastro di Mobius) –. L’intento è di coinvolgere pubblico nuovo chiamando all’appello tutto il meglio che la nostra scena teatrale offre, per favorire scambi e generare confronto, attraverso una proposta in grado di abbracciare pubblici diversi. Tutto questo accadrà all’improvviso, in luoghi inaspettati, per cogliere istantanee di codici artistici, tematiche attuali e storie che appartengono ad un patrimonio vivo e attento».

Le compagnie e gli artisti coinvolti: Angelo Gallo in “Il racconto di Natale di Zampalesta”; Compagnia Create Danza con “Tentazioni d’Opera”, Confine Incerto in scena con “Dietro il Sud”, di e con Emanuela Bianchi; Ernesto Orrico presenta “La mia idea. Memoria di Joe Zangara”, con le musiche originali eseguite dal vivo di Massimo Garritano; Libero Teatro Max Mazzotta in prima nazionale con “Il tubo, “Tri cunti, L’uomo dal fiore in bocca, La Patente e La Giara” di Luigi Pirandello  con Gabriella Spadafora e “L’anima da Tre Soldi”; Mammut Teatro in scena con “Smart work – studio”, diretto da Gianluca Vetromilo e interpretato da Francesco Rizzo; Meridiano16 con “Semper fidelis” di Saverio Tavano e con Attilio Mela; l’Orchestra Sinfonica della Calabria; Peppe Servillo in “Marcovaldo”, accompagnato dalle note alla chitarra di Cristiano Califano; Teatro del Carro porta in scena “U figghiu” con Anna Maria De LucaFrancesco GallelliClaudio Rombolà; Teatro Rossosimona presenta in prima nazionale “Night and Gay” di Alessandro Castriota Skanderbeg, “Radio Argo” con Peppino Mazzotta, “Al posto sbagliato. Storie di bambini vittime di mafia” con Francesco Pupa.

top