sabato,Luglio 13 2024

A Bova l’estate culturale inizia col botto: sabato due eventi tra letteratura e teatro

La comunità di Bova è pronta ad accogliere l'estate con entusiasmo, grazie a iniziative che celebrano la cultura e l'arte in tutte le loro forme. Attesa per l'Antigone di Officine Joniche Arti

A Bova l’estate culturale inizia col botto: sabato due eventi tra letteratura e teatro

Bova si prepara a dare il via alla stagione estiva con un doppio appuntamento culturale di grande spessore, interamente al femminile. Il Museo Rohlfs di Bova, noto per le sue attività legate alla lingua greca di Calabria, promuoverà due eventi imperdibili sabato 22 giugno, accogliendo nel borgo gioiello dell’Area Grecanica sia la letteratura che il teatro.

«Inauguriamo la stagione estiva con due appuntamenti culturali tutti al femminile», afferma Margherita Festa, responsabile delle attività culturali del Museo. «Speriamo che queste iniziative vedano un’ampia partecipazione e diano l’avvio a una serie di eventi culturali di alto livello».

Il primo appuntamento si terrà alle ore 17:00, presso la Sala del Consiglio Comunale, con la presentazione del libro “Una luce abbondante” di Sonia Serazzi. L’autrice calabrese ci porterà in un viaggio attraverso le pagine del suo nuovo romanzo. «Sarà un’occasione per dialogare con questa autrice su un libro originale, sia nella trama che nella scrittura», spiega la professoressa Festa. Ambientato in un paesino immaginario chiamato Sacravento, il romanzo si distingue per i suoi personaggi particolari che vivono in una dimensione quasi magica. Adulti che restano bambini e bambini che sono già vecchi, figure che sembrano incarnare l’infinito di cui parla Saba, rendono il libro un’opera unica e affascinante.

A seguire, alle ore 19:30, nel “Giardino delle Parole” del Museo Rohlfs, il secondo evento vedrà protagonista il teatro con una produzione di Officine Ioniche Arti. Sarà messo in scena “Antigone – il sogno della Farfalla“, tratto da un testo della filosofa spagnola María Zambrano, con la regia di Americo Melchionda e l’interpretazione di Maria Milasi. Questo spettacolo promette di essere un’esperienza intensa e coinvolgente, portando sul palco le profonde riflessioni filosofiche di Zambrano attraverso una performance straordinaria.

Questi due eventi rappresentano solo l’inizio di una stagione culturale ricca e variegata – iniziata qualche settimana fa con la presentazione de “La Fortuna del Greco” che il Museo Rohlfs ha in programma. «Saranno due appuntamenti importanti che inaugurano una stagione che proseguirà con altre attività culturali di livello», conclude Margherita Festa.

Articoli correlati

top