Caso Locride ambiente e rifiuti Siderno a fianco dei lavoratori

Il mondo della politica cittadina solidale con i dipendenti, senza stipendio da 3 mesi, che domani saranno in corteo
Il mondo della politica cittadina solidale con i dipendenti, senza stipendio da 3 mesi, che domani saranno in corteo

Si è tenuto venerdì scorso, su iniziativa della sezione “Vincenzo Bolognino” del Partito Comunista di Siderno, un incontro con i partiti politici cittadini per discutere della vertenza “Locride Ambiente” e delle altre problematiche ambientali relative alla cittadina. Dopo diversi mesi, senza ricevere alcuna retribuzione, i dipendenti dell’azienda, addetti, tra le altre cose, all’importante servizio di raccolta differenziata porta porta, hanno deciso di incrociare le braccia e scendere in piazza domain mattina. Sul punto, i presenti, nell’esprimere forte solidarietà a tutela dei diritti di questi lavoratori, hanno deciso di aderire all’indetto sciopero, auspicando il ripristino di quelle garanzie costituzionali di stabilità e regolarità delle retribuzioni. A breve sarà inoltrata la richiesta di un apposito incontro alla Commissione Straordinaria del Comune di Siderno al fine di individuare soluzioni ed opzioni possibili onde evitare che problematiche finanziarie-contabili tra amministrazione e società di gestione possano finire per ripercuotersi ingiustamente su coloro che, nonostante tutto, ogni giorno prestano il loro lavoro per la copertura di un servizio pubblico essenziale.

A conclusione dell’incontro, l’attenzione è stata riservata anche ad altre questioni ambientali che, allo stato, attanagliano l’intera cittadina, quali la diffusione incontrollata di rifiuti abbandonati presso le vie cittadine, l’isola ecologica il cui servizio non è ancora sufficiente per soddisfare le esigenze dell’intera cittadina, nonché sulla circostanza che l’impianto di trattamento dei rifiuti di San Leo necessiti ancora di opportuni monitoraggi in relazione ai miasmi che continuano a raggiungere la cittadina. Sulla questione, è intervenuta la segretaria della sezione Pd di Siderno, Giusy Massara, la quale ha inteso rendersi portavoce della circostanza che è in corso presso la Regione Calabria l’iter per la modifica della delibera relativa al Piano regionale dei rifiuti al fine di stralciare la parte relativa alla destinazione del biodigestore a San Leo in favore invece di interventi aventi solo finalità migliorative dell’impianto. Su quest’ultimo punto, i partiti intervenuti all’incontro, ne avevano già discusso lo scorso 19 ottobre concludendo di aggiornare la riunione in attesa di documenti e notizie certe dalla Regione.