venerdì,Dicembre 4 2020

Coronavirus, Matà: «Serve maggiore attenzione al nostro territorio»

La disamina del presidente di Confcommercio sui decreti del Governo di contrasto alla diffusione del virus e sulle misure di sostegno alle imprese

Coronavirus, Matà: «Serve maggiore attenzione al nostro territorio»

Coronavirus, Matà: «Serve maggiore attenzione al nostro territorio». La disamina del presidente di Confcommercio sui decreti del Governo di contrasto alla diffusione del virus e sulle misure di sostegno alle imprese.

Confcommercio informa che, in relazione all’evolversi della diffusione del Coronavirus, il Governo ha emanato due provvedimenti tesi a disciplinare sia gli interventi e misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica sia le misure economiche di sostegno a famiglie, lavoratori e imprese. Tali disposizioni sono già in vigore ed efficaci.

Le aziende Confcommercio, già molto sensibili sul tema e particolarmente attente in questa fase ad assicurare il massimo confort e sicurezza alla clientela, vengono quotidianamente aggiornate dagli uffici riguardo le corrette Misure di prevenzione da adottare.

Per la Confcommercio di Reggio Calabria sono sicuramente positive le iniziative informative e di sensibilizzazione adottate. Più di una perplessità, invece, per le misure economiche che il Governo ha approvato per fronteggiare la crisi delle attività economiche e riservate quasi esclusivamente alle cd. “zone rosse”.

«Bene gli interventi adottati dal Governo – dichiara il Presidente Confcommercio Gaetano Matà – ma riteniamo sbagliato non avere previsto nessun tipo di supporto – fatta eccezione per l’agevolazione agli esercenti attività turistico-alberghiera – per quei territori, come Reggio Calabria, che pur non rientrando nella zona rossa sono ugualmente penalizzati dal fenomeno Coronavirus.

Occorrono misure straordinarie per tutte le attività commerciali e turistiche che direttamente o indirettamente subiscono l’effetto Coronavirus. Pensiamo solo che alcuni esercizi di somministrazione (bar e ristoranti) nella nostra provincia stato facendo fronte ad un calo di ricavi rispetto all’annualità precedente superiore al 50%. Non vi è dubbio che, anche alle nostre “latitudini”, esiste una situazione assolutamente emergenziale.

È necessario pensare con urgenza ad interventi che prevedano un credito di imposta per i mancati redditi, una moratoria delle rate di mutui e leasing, oltre ad interventi che favoriscano linee di finanziamento a breve per liquidità aziendale. Ai Comuni del territorio reggino chiediamo un immediato intervento a supporto delle attività, con la previsione di sconti e rateazioni sulla TARI (Tassa Rifiuti), sulla Tosap (Suolo Pubblico) e sulle concessioni di spazi ad uso commerciale, perché in questo momento la vicinanza alle imprese è un dovere».

Sulla questione liquidità aziendale la Confcommercio attraverso il Consorzio di Garanzia Fidi ha già attivato misure di concreto sostegno finanziario rivolte alle micro piccole imprese.

«Anche in assenza, al momento, di un sostegno da parte dei soggetti pubblici ai quali chiediamo di mettere a disposizione risorse addizionali – conclude Matà – con il nostro Cofidi abbiamo già attivato uno sportello dedicato per fronteggiare emergenze finanziarie, con finanziamenti da 5mila euro per scorte, pagamento fornitori e debiti in genere e per fornire la necessaria consulenza e supporto alle aziende locali».