martedì,Dicembre 1 2020

Coronavirus, i sindacati plaudono alla scelta della chiusura domenicale dei supermercati

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil avevano scritto al sindaco ed al prefetto chiedendo un'ordinanza per salvaguardare la salute dei lavoratori e delle lavoratrici della grande e media distribuzione e dell’intera comunità

Coronavirus, i sindacati plaudono alla scelta della chiusura domenicale dei supermercati

Chiusura domenicale dei supermercati: per Filcams, Fisascat e Uiltucs la strada intrapresa è quella giusta. «L’annuncio del Sindaco di Reggio Calabria Falcomatà che, rivedendo la sua posizione, ha deciso di chiudere i supermercati la domenica e di invitare i gestori della grande e media distribuzione a rimodulare gli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali, va nella direzione delle richieste del sindacato».

Questa la dichiarazione di Samantha Caridi di Filcams-Cgil, Rita Raffa di Fisascat-Cisl e Sabrina De Stefano della Uiltucs-Uil di Reggio Calabria che, nei giorni scorsi, al fine di salvaguardare la salute dei lavoratori e delle lavoratrici della grande e media distribuzione e dell’intera comunità, avevano scritto al Sindaco ed al Prefetto per «richiedere un’ordinanza di chiusura domenicale degli ipermercati».

L’ordinanza arrivata ieri e presentata dal Sindaco come «Un provvedimento preso a tutela dei lavoratori, sottoposti a turni di lavoro psicologicamente stressanti, ma anche a tutela di ogni cittadino, perché riduce le possibilità di spostamento” rappresenta ad avviso del sindacato unitario “una scelta indispensabile ispirata da buon senso e responsabilità».

Le sindacaliste Caridi, Raffa e De Stefano aggiungono, infine, che «tale scelta tutela tutti i soggetti in campo visto che per questa via si garantisce non solo una migliore gestione di turni e carichi di lavoro, ma anche tempi di rifornimento ed approvvigionamenti dei punti vendita stessi, giusto riposo per tutti gli addetti e tempo utile per procedere ad un’accurata sanificazione degli ambienti di lavoro difficili da garantire con le attuali aperture».