mercoledì,Ottobre 20 2021

Maria Pia, la giornalista calabrese sempre a caccia di buone notizie

VIDEO | Maria Pia Tucci, che partecipa ad un progetto dell'associazione The bridge side, specializzata nell'assemblaggio di good news, spiega: «Il pubblico ha bisogno di fiducia e speranza»

Maria Pia, la giornalista calabrese sempre a caccia di buone notizie

Di Agostino Pantano

Quattordici “inviati” in tutte le regioni italiane, che si definiscono «cacciatori e spacciatori di buone notizie», e tra questi giornalisti che hanno fornito un grosso aiuto nei giorni neri della pandemia c’è anche la calabrese Maria Pia Tucci. Che si racconta nella sua piccola redazione di Cittanova, parlando di The Bridge Side – l’associazione con sede a Milano che assembla le good news scovate sui giornali e nella rete, e le rilancia spesso redigendo propri servizi -, progetto che si muove in un mercato che è in crescita.

«Il Wall Street Journal – spiega Tucci – ha calcolato che nel solo mese di marzo sono aumentati del 60% i lettori interessati a fruire di buone notizie». In effetti la pandemia, con il suo gravame psicologico fatto di dolore e paura, ha aperto prospettive vastissime per il settore. «In tempi normali – prosegue la giornalista – le buone notizie servono anche a dare fiducia, speranza, ma in tempi straordinari come questi hanno fatto da deterrente al malessere dell’umore che ognuno di noi ha provato». Dell’associazione parlano ormai i media nazionali, la stessa Tucci è stata ospite di Paola Saluzzi su Tv 2000, perché accanto allo sforzo eroico dei medici e degli operatori sanitari, anche i giornalisti di buone notizie meritano un encomio.

Articoli correlati

top