giovedì,Gennaio 21 2021

Cgil, Cisl e Uil: «Il tempo è scaduto: sabato 5 dicembre scendiamo in Piazza»

I sindacati: «Serve un cambio di passo per uscire dalle secche in cui, una storica pandemia e un’amministrazione metropolitana poco lungimirante, l’hanno impantanata»

Cgil, Cisl e Uil: «Il tempo è scaduto: sabato 5 dicembre scendiamo in Piazza»

Sabato 5 dicembre alle ore 10.00 CGIL, CISL e UIL saranno in Piazza Italia, a Reggio Calabria, nel pieno rispetto delle misure anti Covid-19, per ribadire che alla Città (anche metropolitana) occorre un cambio di passo per uscire dalle secche in cui, una storica pandemia e un’amministrazione metropolitana poco lungimirante, l’hanno impantanata.

«Auspichiamo che la nostra manifestazione venga interpretata, come abbiamo sempre sottolineato, come un processo di costruzione, pro cittadini, pro lavoratori, pro giovani e donne, pro fasce deboli, pro territorio comunale e metropolitano e non contro chicchessia.

È l’ ora della assunzione di responsabilità e non dell’ addebito ad altri del mancato sviluppo di un agglomerato che conta quasi 600 mila abitanti. Protesta e proposta per offrire un piglio di speranza a quanti, anche disillusi e rassegnati, decidono di battersi per una città a misura d’uomo, nella quale i servizi essenziali siano indiscutibilmente garantiti.

La nostra comunità di rappresentanza sarà al nostro fianco, perché i settori strategici di Reggio Calabria sono ridotti al lumicino e non staremo a guardare mentre i cittadini chiedono prese di posizione concrete che non lascino spazi a tentennamenti. Saremo in piazza perché è messa in discussione la quotidianità degli abitanti della nostra amata città, Giovani, donne pensionati, fasce deboli, in una parola: i cittadini metropolitani».