domenica,Maggio 22 2022

Lavoro e sanità, Rubino (Cisl Fp): «Al lavoro per spettanze pregresse e attribuzione incarichi»

In attesa che si concluda l’attribuzione della Progressione Economica, programmata dagli uffici dell’Asp entro il mese in corso, il sindacato ha chiesto un incontro urgente

Lavoro e sanità, Rubino (Cisl Fp): «Al lavoro per spettanze pregresse e attribuzione incarichi»

«La Cisl Fp, in continuo contatto con gli uffici dell’Asp di Reggio Calabria, per verificare lo stato delle procedure in itinere, ha riscontrato che la Progressione Economica Orizzontale è ormai giunta al completamento. La graduatoria provvisoria che attendeva di essere modificata per effetto dei ricorsi presentati, sarà approntata nell’arco di pochi giorni e il direttore delle Risorse Umane assicura che i lavori si concluderanno a breve», dichiara Giuseppe Rubino, segretario Generale Aggiunto Fp in una nota.

«Visto lo stallo in cui versava la suddetta procedura ed altre incompiute altrettanto importanti, la Cisl Fp già a novembre del 2020 aveva organizzato assemblee con i lavoratori negli ospedali ricadenti nel territorio dell’Asp, ottenendo dai relativi verbali il mandato dei lavoratori stessi per la proclamazione dello stato d’agitazione. Il 30 novembre 2020 la Commissione Straordinaria e la direzione amministrativa rispondevano con nota, protocollo numero 55996, evidenziando le intenzioni di procedere su tutti i punti e rendendo noto lo stato di alcune di queste procedure, tra cui la progressione economica orizzontale e la produttività ferma al periodo 2010-2015.

Grazie alla presa di posizione, al confronto e all’intervento della Prefettura di Reggio Calabria, si è avviata una fase di proficua collaborazione che ha permesso lo sblocco di alcune procedure, sfociate poi nel pagamento della produttività 2016 con accordo 23656 del 15 maggio 2020 e nel seguente pagamento della produttività 2017», spiega ancora Giuseppe Rubino, segretario Generale Aggiunto Fp in una nota.

«Sulla proposta della Cisl Fp di far confluire i fondi residui nell’annualità 2016, condivisa anche dalla parte pubblica, non tutte le sigle erano d’accordo, tanto da chiedere pareri ulteriori e generare complicazioni che hanno solo giocato contro gli interessi dei legittimi proprietari delle somme arretrate, ossia i lavoratori (verbale n.2 del 18 maggio 2020). Successivamente le sigle Fp Cgil e Nursind, unitamente alla Scrivente hanno evidenziato l’inopportunità dei pareri richiesti, evidenziando che il parere Aran Csa6 chiarisce che quanto richiesto dalla Cisl Fp e dalle altre sigle firmatarie era legittimo. Poiché alcune procedure rimanevano in stallo, la Cisl Fp manteneva lo stato d’agitazione con Pec del 3 dicembre 2020, inviata alla Prefettura di Reggio Calabria e alla direzione Strategica dell’Asp. Con nota prot. 57395 del 07 dicembre 2020, il direttore sanitario Antonio Bray e il direttore amministrativo Daniela Costantino chiedevano di poter conciliare in Azienda e di evitare il confronto in Prefettura. Il conflitto raffredda con impegni presi dalla direzione dell’Asp, riparte il confronto, grazie all’interessamento del Commissario straordinario che con una serie di convocazioni si stipula l’accordo sulla Progressione Economica Orizzontale, bando n.2744 il 30 dicembre 2020», spiega ancora Giuseppe Rubino, segretario Generale Aggiunto Fp in una nota.

«Solo con il dialogo costante e il coinvolgimento delle parti sociali si possono affrontare i problemi e trovare soluzioni, cosa che la Cisl, pur mantenendo lo stato di agitazione, ha fatto in questo periodo adottando una linea responsabile e concreata a difesa dei lavoratori. Impegno che non si fermerà e non farà sconti a nessuno. La Cisl Fp è intervenuta per i necessari chiarimenti favorevoli ai Lavoratori con nota del 15/01/2021, con nota del 23/08/2021, con sollecito del 15/03/2022 e ulteriore del 22/04/2022 che puntualmente sono state inviate ai lavoratori tramite i diversi canali di comunicazione.

Oggi la Cisl Fp viene a conoscenza di nuovi stati d’agitazione che riguardano altre sigle, cosa che deve essere accolta favorevolmente, “meglio tardi che mai”. È meraviglioso sentirsi in compagnia di chi ha finalmente capito che bisogna agire, forse ripulendo il percorso da contrarietà, cavilli, ma soprattutto pareri, che hanno solo ritardato il percorso e le aspettative dei lavoratori. La Cisl Fp interpreta queste agitazioni sia pur posticce, come segno di compattezza verso il fronte della risoluzione dei problemi antichi che precludono il raggiungimento dei legittimi diritti dei Lavoratori. Pertanto, in attesa che si concluda l’attribuzione della Progressione Economica, programmata dagli uffici dell’Asp entro il mese in corso, e con l’inserimento degli emolumenti pregressi nella busta paga di maggio 2022, si chiede urgente incontro per la conclusione di tutte le spettanze degli anni pregressi al 2022 e l’avvio dell’accordo per l’attribuzione degli incarichi di funzione previsti dal Ccnl 2016-2018», conclude Giuseppe Rubino, segretario Generale Aggiunto Fp in una nota.

top