giovedì,Giugno 13 2024

Reintroduzione piena quota accise, Aloisio: «Più spese per famiglie e aziende»

Il presidente di Confesercenti Reggio: «In piena crisi energetica, con una guerra in atto e ulteriori tensioni geopolitiche, c'è il rischio di nuovi rincari»

Reintroduzione piena quota accise, Aloisio: «Più spese per famiglie e aziende»

«La decisione del Governo di reintrodurre la quota piena delle accise porta ulteriori spese a famiglie e aziende in un momento in cui l’aumento generalizzato dei prezzi sta mettendo a dura prova la tenuta sociale, soprattutto nei territori più poveri e disagiati. Lo stop al taglio delle accise, infatti, determina un aumento, nel mese di gennaio, di +30 centesimi su un litro di benzina o gasolio rispetto a marzo scorso, e di +18 centesimi al litro rispetto a dicembre».

Questa la dichiarazione del presidente di Confesercenti Reggio Calabria Claudio Aloisio che continua – come riportato da uno studio di Faib Confesercenti, i rincari andranno ad incidere di media, su base annua, per 300 euro a famiglia rispetto a marzo, e 180 euro rispetto a dicembre, senza tener conto dell’effetto traino che produrranno su tutti i beni di consumo e sull’inflazione interna che è già a livelli preoccupanti.

In soldoni, ogni pieno di benzina costerà circa 15 euro in più rispetto a 10 mesi fa. Il tutto senza considerare che essendo ancora in piena crisi energetica, con una guerra in atto e ulteriori tensioni geopolitiche che si stanno innescando alle porte dell’Europa, c’è il rischio concreto di nuove impennate delle quotazioni sui mercati internazionali che genereranno ulteriori aggravi per famiglie e imprese.

È bene ribadire – conclude Aloisio – che i gestori carburanti non determinano il prezzo di vendita che è deciso dalle compagnie petrolifere. A loro, al di là del costo alla pompa, vanno soltanto 3,5 centesimi lordi al litro. Va da sé che più il prezzo è alto, meno carburante si vende, il che porta a un decremento del fatturato il quale, sommato alle maggiori spese di gestione legate agli aumenti energetici, sta mettendo ancor di più alle corde un settore già in grande difficoltà».

Articoli correlati

top