lunedì,Marzo 4 2024

Reggio, Atam prepara l’evoluzione ecologica nei trasporti – VIDEO

L'Amministratore unico Basile: «Oltre ai bus green cambieranno le competenze tecnologiche e si andrà verso la digitalizzazione»

Reggio, Atam prepara l’evoluzione ecologica nei trasporti – VIDEO

Evoluzione ecologica con l’arrivo dei bus elettrici per la società di trasporto partecipata da comune e Metrocity di Reggio Calabria. Atam spa si prepara a un cambiamento epocale per via delle competenze tecnologiche richieste.

La digitalizzazione

Nei prossimi mesi ci sarà un bando per l’arrivo dei bus elettrici. «Il progetto di Atam spa è quello di evolvere da un passato monopolista a un futuro solare e concorrenziale, passando delle competenze aziendali tipiche del trasporto con modalità endotermica, alle nuove competenze tecnologiche richieste dagli attuali obiettivi di politica europea e di mercato» spiega al Reggino Giuseppe Basile, amministratore unico di Atam spa.

«La vera sfida del cambiamento – chiosa – oltre alle politiche comunitarie che impongono emissioni zero, zero inquinamento e maggiore sostenibilità ambientale, è quella della digitalizzazione. Cambierà il sistema che non è solo il passaggio ai bus elettrici ma un nuovo modello di sviluppo aziendale».

Il bando per i bus

«Il bando Pnrr approvato in giunta prevede un primo step che è dicembre 2024 – aggiunge Basile – con la messa in esercizio di ben 17 autobus a zero emissioni che non è un numero irrilevante. Mettere in esercizio 17 bus elettrici significa avere un modello di mobilità a consumo zero cioè implementare le competenze aziendali per ciò che riguarda la trazione a zero emissioni ma anche la digitalizzazione di tutto il sistema dei trasporti. Affrontare la sfida con nuove competenze ingegneristiche e digitali è l’unico modo per sviluppare Atam all’insegna della sostenibilità anche economica».

Le scadenze

E poi le precisazioni «Per essere leader nei costi, non possiamo tagliare la spesa in maniera sorda e lineare, perché rischieremmo di non fornire un servizio adeguato alla domanda di mobilità dell’utenza, ma dobbiamo perseguire l’eccellenza tecnologica e digitale.

Questa è l’opportunità offerta dai soci Comune e Città Metropolitana di Reggio Calabria. Ed i tempi sono davvero stretti, basti pensare che tutto l’investimento per infrastrutture e nuovi mezzi, si deve concludere nel 2026, passando per un primo importante tagliando nel 2024. Entro questa data, già la modalità elettrica dovrà essere in grado di andare a sistema ed essere autonoma nell’offerta all’utenza. E ciò comporta un upgrade di competenze aziendali, sia per ciò che concerne la gestione del parco macchine sia per l’esercizio ed il sistema di mobilità in senso stretto».

Articoli correlati

top