martedì,Ottobre 19 2021

Capodanno si colora con le mille sfaccettature di arte e solidarietà

Presentato a palazzo San Giorgio il 49° Tuffo in mare di Capodanno intitolato a Mimì Fortugno

Capodanno si colora con le mille sfaccettature di arte e solidarietà

Tuffo in mare ma anche arte e solidarietà. Si colora di tante sfaccettature “Il 49° Tuffo in mare di Capodanno Mimì Fortugno”, presentato oggi al salone dei lampadari di Palazzo San Giorgio. Una manifestazione che, per il settimo anno è organizzata dall’associazione Febiadi. Partner nell’avventura di quest’anno Rotary Rc sud Parallelo 38, l’Associazione Biesse, l’associazione “Il volo delle farfalle. Evoluzione autismo”.

«Il tuffo in mare è una sorta di benedizione – chiarisce il presidente dell’Associazione Febiadi Tonino Massara – si spera che l’anno possa essere migliore. Abbiamo ereditato da sette anni questo onere e questo onore di rappresentare il tuffo in mare di capodanno, definitivamente intitolato a Mimì Fortugno e istituzionalizzato come città metropolitana. Non solo tuffo in mare, ma arte, cultura e solidarietà ed impegno sociale e la grande sinergia che c’è tra tutti gli enti istituzionali e le associazioni in campo perché questo è un messaggio alla città: fare squadra è fondamentale per costituire un percorso diverso per la nostra città». Per quanto riguarda gli eventi «Noi partiremo col tuffo nell’arte dal 14 dicembre, insieme all’Agedi. Poi 28 artisti reggini esporranno poi presso la Galleria di Palazzo San Giorgio dal 16 al 28 dicembre 2019. Dal 20 al 23 dicembre l’associazione arte School che sporrà i lavori dei ragazzi». Tra gli eventi previsti anche uno che riguarda il lido comunale, con la Lega navale di Pellaro, un convegno, il 18 dicembre sui fondali marini con le foto storiche della città e del lido comunale: «Credo che ripartire dalla storia e dalle tradizioni – afferma Massara – possa essere il miglio viatico per costruire il futuro degno di tal nome. Il lido deve tornare agli antichi splendori. Come creiamo questo stimolo? Ricordando quello che era e quello che potrà essere».

Per il presidente del consiglio comunale Demetrio Delfino «Presentiamo una iniziativa storicizzata – chiosa – portata avanti dall’associazione Febiadi del tuffo di capodanno, correlato da altre iniziative di arte solidarietà e cultura così come ogni anno. Ogni anno la manifestazione acquisisce maggior successo e maggiori partecipanti che arrivano da fuori provincia e da fuori regione. Ci fa molto piacere ecco perché bisognerebbe ragionare sul fato di storicizzare questo tipo di evento che ospita anche tuffatori illustri».
Alla presentazione anche Giovanni Latella, delegato allo sport ed al turismo e don Piero Catalano che riceverà il premio “Giacomo Paesso”. L’associazione Biesse di Bruna Siviglia ha donato un tavolo da ping pong, il Cral degli impiegati della città metropolitana alcuni giochi didattici, mentre il Rotary una consolle della Play Station, tutto per gli ospiti del Fondo Versace. Il giorno di capodanno oltre al consueto tuffo ci sarà anche l’immancabile raduno di auto d’epoca.

top