domenica,Maggio 29 2022

Giustizia, ieri alla Camera il convegno di Forza Italia sui rischi penali nell’attività d’impresa

Durante l’evento, cui hanno preso parte Roberto Occhiuto, Francesco Sisto, Andrea Gentile e Maurizio Arena, sono stati illustrati i principi generali in materia di responsabilità degli organi amministrativi e degli organi di controllo

Giustizia, ieri alla Camera il convegno di Forza Italia sui rischi penali nell’attività d’impresa

Si è svolto ieri alla Camera dei Deputati, il convegno “I rischi penali nell’attività d’impresa”, un’iniziativa organizzata dal gruppo Forza Italia di Montecitorio, alla quale hanno partecipato Roberto Occhiuto, capogruppo azzurro alla Camera, Francesco Sisto, sottosegretario alla Giustizia, Andrea Gentile, avvocato e docente universitario in diritto penale, e Maurizio Arena, avvocato e membro della Commissione nazionale anti riciclaggio. Il convegno ha fornito un quadro sintetico ed aggiornato dei principali profili di responsabilità penale, individuale e collettiva, in ambito societario.

Sono stati illustrati i principi generali in materia di responsabilità degli organi amministrativi e degli organi di controllo (dalla delega di funzioni al concorso di persone; dalle qualifiche di fatto all’elemento soggettivo del reato e alla posizione di garanzia del collegio sindacale). Non sono ovviamente mancati gli opportuni riferimenti alla legge 231/2001 sulla responsabilità da reato delle persone giuridiche, in occasione del suo ventennale, con particolare rilievo alla prevenzione dei reati ivi menzionati.

Roberto Occhiuto ha evidenziato la necessità di un disegno attento delle fattispecie criminose per fornire maggiori garanzie e certezze all’imprenditore. L’avvocato Maurizio Arena ha rimarcato la necessità di disposizioni premiali in favore di aziende diligenti che scelgano di investire in prevenzione e nella costruzione di Modelli anti-crimine ai sensi della legge 231. L’avvocato Andrea Gentile ha evidenziato l’evoluzione della figura del professionista che assiste le imprese e del suo ruolo di spalla e di facilitatore tecnico in un contesto nel quale gli adempimenti di compliance in ottica penalistica sono sempre più ampi, pressanti e pesantemente sanzionati.

Il sottosegretario Francesco Paolo Sisto, concludendo i lavori, ha affermato che su queste tematiche occorre una profonda sinergia tra professionisti, imprenditori, politica e magistratura. L’evoluzione di questa materia – così come presentata dai contenuti del volume “I reati degli amministratori e dei sindaci di società”, degli autori Arena e Gentile – offre uno spaccato giuridico moderno ed attuale.

top