lunedì,Luglio 4 2022

“Giornata del mare”, con la Guardia costiera rivive la cultura marinara

Manifestazioni in tutta Italia e momenti di confronto con le scolaresche. A Reggio la visita dei ragazzi dell’Istituto Tecnico “Piria-Ferraris-Da Empoli”

“Giornata del mare”, con la Guardia costiera rivive la cultura marinara

Si è celebrata oggi, la “Giornata del Mare e della cultura marinara” per promuovere e sviluppare la cultura del mare attraverso attività e momenti di confronto con le scolaresche. L’ambizioso scopo di questo progetto nato nel 2017 attraverso una specifica integrazione del Codice della nautica da diporto, è quello di rendere gli studenti cittadini attivi del mare e tutori della sua conservazione e della sua cultura. In tale contesto, che vede impegnata la Guardia Costiera, su iniziativa del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, si sono svolte manifestazioni in tutta Italia per valorizzare le tradizioni marinaresche del nostro Paese, il patrimonio storico e culturale legato al mare, nella consapevolezza che la scuola rappresenti il miglior veicolo per educare i giovani anche in tale ambito.

Da Civitavecchia al resto del Paese

Sono state le celebrazioni svoltesi questa mattina al porto di Civitavecchia ad aver aperto – idealmente e simbolicamente – il più ampio programma di attività ed eventi promossi, in parallelo, su tutto il territorio nazionale per la “Giornata del mare”, mirati a sensibilizzare i giovani e gli utenti del mare sui principi della sicurezza in mare e della tutela ambientale. L’evento è stato presenziato dalla Sottosegretaria al Ministero dell’Istruzione, senatrice Barbara Floridia e dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, con il giornalista e conduttore televisivo Massimiliano Ossini – recentemente nominato Primo Ambassador dall’Osservatorio Nazionale per la Tutela del mare – a condurlo quale testimonial d’eccezione.

La cerimonia ha coinvolto i vincitori del concorso nazionale “La cittadinanza del mare”, con gli oltre 300 studentesse e studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del Lazio che vi hanno partecipato ed erano “in presenza” oggi a Civitavecchia, ed è stato seguito invece in diretta streaming sui canali social del Ministero e della Guardia Costiera dagli altri istituti d’Italia vincitori del concorso, che saranno poi coinvolti in analoghe cerimonie organizzate dai Comandi regionali della Guardia Costiera.

Porte aperte ai ragazzi dell’IT “Piria-Ferrarius-Da Empoli”

Nella città di Reggio Calabria le iniziative hanno coinvolto diversi istituti scolastici che hanno potuto partecipare attivamente a degli incontri formativi organizzati dalla Capitaneria di Porto in collaborazione con la Lega Navale, con l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia e con i rappresentanti della Società italiana Cani di Salvamento (SICS).

In particolare nella giornata di sabato scorso i ragazzi dell’Istituto Tecnico “Piria-Ferraris-Da Empoli”, dopo una breve visita della sede della Capitaneria di porto ove hanno potuto apprendere delle nozioni generali circa i compiti istituzionali del corpo, sulla funzione della Lega Navale e sull’impiego dei cani di salvamento, hanno potuto accedere e visitare da vicino alcune imbarcazioni veliche della Lega Navale e le Unità navali che la Guardia Costiera impiega nelle attività operative di soccorso in mare: mezzi altamente performanti e specializzati. Particolare entusiasmo tra i giovani ha suscitato, infine, l’esercitazione di recupero naufraghi in mare operata dalle unità cinofile della Sics. I conduttori ed i propri cani hanno mostrato come l’intervento di queste unità di salvamento sia tanto efficace da terra quanto dal bordo, con la possibilità di trasportare e far intervenire i soccorritori a quattro zampe, con il supporto dei mezzi della guardia costiera, direttamente nella zona di operazioni in mare.

top