mercoledì,Aprile 17 2024

Gioiosa Ionica, tutto pronto per “Percussioni Festival – Musica per l’Integrazione”

L’evento si svolgerà in un’area suggestiva quale la Collinetta dei Pini, un parco verde al centro del paese da dove è possibile godere di una vista straordinaria

Gioiosa Ionica, tutto pronto per “Percussioni Festival – Musica per l’Integrazione”

Il Comune di Gioiosa Ionica, attraverso RE.CO.SOL. e Cooperativa Sankara – Enti attuatori del progetto SAI, realizzerà nelle giornate del 21-22-23 agosto 2023 il “Gioiosa Percussioni Festival – Musica per l’Integrazione”.
L’iniziativa, giunta alla VII edizione, nasce dalla volontà di costruire un evento di forte rilevo culturale all’interno di uno dei momenti più importanti per la comunità di Gioiosa Ionica, ovvero la festa patronale di San Rocco che si svolge nell’ultima settimana del mese di agosto.

L’idea è quella di utilizzare la musica come potente “strumento” di integrazione, convinti che tale arte abbia la forza di coinvolgere la comunità nel percorso di integrazione con i migranti e al contempo può essere un modo per valorizzare questo speciale rapporto che il territorio ha con la musica e le percussioni in particolare.
Il ritmo dei tamburi che tradizionalmente accompagna la storica processione di San Rocco, Patrono di Gioiosa Ionica, rappresenta idealmente la congiunzione delle radici antropologiche della comunità gioiosana, legate alla storia di un Santo la cui vita è testimonianza di pellegrinaggio, con
l’attuale esperienza di accoglienza praticata a Gioiosa Ionica da circa 10 anni.

Il Festival si articolerà su tre giorni e prevede diverse attività: attività laboratoriali, dibattiti sui temi specifici dell’accoglienza e spettacoli musicali di artisti nazionali e internazionali. La Città Metropolitana di Reggio Calabria comparteciperà a tale iniziativa garantendo la copertura economica del concerto previsto nella seconda serata.

L’evento si svolgerà in un’area suggestiva quale la Collinetta dei Pini, un parco verde al centro del paese da dove è possibile godere di una vista straordinaria sul centro storico e sul borgo medioevale di Gioiosa Ionica, in cui verrà allestito un villaggio con le diverse aree funzionali: area concerti; area dibattiti e laboratori; stand espositivi; area ristoro.
Il Gioiosa Percussioni Festival vuole essere un momento di condivisione e aggregazione che veda protagonisti gli ospiti del progetto ma anche e soprattutto i giovani del nostro territorio affinché possa costituire un’esperienza di interculturalità, offrendo loro peraltro un luogo fisico identitario quale la Collinetta dei Pini dove esprimersi.
Ogni pomeriggio è previsto un Laboratorio musicale dal titolo “Global Percussion Orchestra”, tenuto da un Maestro professionista del settore, che si propone l’obiettivo di far apprendere ai partecipanti il linguaggio della musica e, nello specifico, delle percussioni.

Due i momenti di approfondimento tematico: lunedì 21 ci sarà un dibattito su “Dieci anni di accoglienza: bilanci e prospettive future” associato ad una mostra dal titolo “Gioiosa e l’accoglienza: il racconto di una comunità che ha scelto di non tirarsi indietro”; seguirà martedì 22 un dibattito su “La condizione femminile in Iran: le donne nel mirino della repressione e la loro lotta per la libertà”.
Nei tre giorni, dalle ore 22:00 in poi, il Festival ospiterà i concerti di artisti di diversa estrazione musicale che, per diversi aspetti, sono legati alla tematica dell’immigrazione.

Si parte lunedì 21 agosto con il concerto di “Alì Live con special guests Nebraska & Fabio Macagnino”, per poi proseguire martedì 22 agosto con il concerto dei “BOWLAND” e chiudere mercoledì 23 agosto con il concerto dei “Quartaumentata”.
Il Gioiosa Percussioni Festival darà inizio alla settimana dei festeggiamenti civili in onore del Santo patrono in un crescendo di eventi che da lunedì 21 agosto a domenica 27 agosto animeranno Gioiosa Ionica, facendola diventare il centro della Locride, grazie anche all’apporto
delle numerose realtà associative del territorio e, in particolar modo, del Comitato festa San Rocco.

Articoli correlati

top