lunedì,Marzo 4 2024

Cittanova, al teatro Gentile arrivano Giuseppe Zeno ed Euridice Axen

Nell'ambito della XX stagione teatrale targata Kalomena, metteranno in scena “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”

Cittanova, al teatro Gentile arrivano Giuseppe Zeno ed Euridice Axen

Dopo il grande successo e il sold out della serata inaugurale della XX Stagione Teatrale di Cittanova, l’associazione Kalomena è pronta a ospitare un nuovo importante evento della rassegna. Giovedì 7 dicembre al Teatro Gentile saranno in scena assieme alla loro compagnia Giuseppe Zeno ed Euridice Axen, interpreti di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”, l’opera scritta da Lina Wertmuller, una delle maggiori registe del cinema italiano, interpretata nella versione cinematografica da due icone del cinema italiano come Mariangela Melato e Giancarlo Giannini.

Il progetto della rassegna ha il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Cittanova, che ne ha sposato e condiviso il grande valore, oltre che il sostegno della BCC-Banca della Calabria Ulteriore e del Bar-Pasticceria “Le Chicche” Taverna, nei cui laboratori saranno organizzate apposite visite per gli abbonati, nel corso delle quali saranno illustrate la storia e le tecniche di produzione e verrà offerta una degustazione dei prodotti dell’azienda. Inoltre, al fine di valorizzare eccellenze produttive locali e del territorio, prima dell’inizio dello spettacolo è prevista una degustazione di prodotti oleari dell’Azienda Fazzari e del pane con i cereali calabresi della filiera corta creato dalla Farineria.

La versione di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto” basata sul testo teatrale di Lina Wertmüller ricolloca la storia nella dimensione del contemporaneo, scegliendo come nuovo campo di battaglia il differente clima socioculturale di una società tardo capitalista, in cui nuove tensioni e nuove contraddizioni determinano e orientano conflitti ed emozioni tra i personaggi. Negli ultimi, recentissimi, anni abbiamo infatti assistito a uno stravolgimento degli equilibri di genere, e abbiamo visto maturare una coscienza completamente nuova e una prospettiva più sfaccettata e inclusiva su temi come il sesso e la razza, che assumono un peso fondamentale all’interno di un testo come questo.

Se l’acquisizione di queste nuove consapevolezze nutre gli animati battibecchi del primo atto, ambientato sul lussuoso yacht già presente nel film – le litigate tra Raffaella e Toti, amici/nemici portatori di valori inconciliabili, le continue scaramucce tra Raffaella e Gennarino, i comici scambi tra Gennarino e il suo capo Pippo – è nel secondo atto, quando Gennarino e Raffaella, ormai naufraghi, approdano sull’isola, che il mutamento degli equilibri di genere assume una decisiva importanza drammaturgica, ridefinendo anche gli equilibri tra i due protagonisti. È un racconto d’amore e di lotta di classe e, anche se il terreno di conflitto dei due personaggi ha subito degli slittamenti dal 1974 a oggi, la crepa che li divide resta insanabile: una destinata ad andare avanti per la propria strada di privilegio, l’altro destinato ad essere lasciato indietro.

Lo spettacolo evoca il film senza imitarlo, traducendo la visione cinematografica in azione teatrale: tanto con la presenza e la fisicità degli attori che in scena sudano, si rincorrono, lottano, si amano, quanto ricorrendo a una dimensione simbolica che lascia aperto allo spettatore uno spazio di immaginazione e memoria, quanto ancora attraverso l’affilatezza di dialoghi grotteschi, struggenti o comici. Una volta in salvo, lontano l’isola, per Gennarino e Raffaella non ci sarà salvezza, perché l’amore non basta ad amarsi, sembra dirci la Wertmüller nell’amaro epilogo di una storia che, a quasi mezzo secolo di distanza, non smette di essere una potente allegoria dei conflitti ideologici, economici e di genere che attraversano la società umana. I biglietti possono essere acquistati in teatro il mercoledì e il sabato, oppure online su Viva Ticket.

top