Nel duomo di Alessandria i funerali di Stato dei 3 vigili del fuoco

La salma di Nino Candido stasera sarà trasferita nella città dello Stretto dove domani verranno celebrate le esequie
La salma di Nino Candido stasera sarà trasferita nella città dello Stretto dove domani verranno celebrate le esequie
Il duomo di Alessandria dove si stanno svolgendo i funerali dei tre vigili del fuoco morti

Si stanno svolgendo nel Duomo di Alessandria i solenni funerali di Stato dei tre vigili del fuoco morti lunedì, nell’esplosione che ha distrutto una cascina a Quargnento. I loro caschi adagiati sul feretro, la bandiera italiana e le foto dei visi sorridenti di Marco Triches, Matteo Gastaldo ed Antonino Candido. Tutta l’Italia si è commossa davanti alle immagini.

È difficile sostenere il dolore, le lacrime nel duomo di Alessandria, stracolmo di colleghi e familiari dei tre vigili del fuoco, dei quali uno, Antonino era originario di Reggio Calabria. Un’ora prima dell’inizio della cerimonia funebre, officiata dal vescovo di Alessandria Guido Gallese, il corteo funebre è partito dal Comando Provinciale di corso Romita. I feretri hanno attraversato via S.Giovanni Bosco, via Don Orione, Spalto Gamondio, corso Cento Cannoni e via Cavour per poi arrivare in piazza della Libertà, vicino alla Prefettura, dove le tre bare sono state portate in spalla fino al Duomo. «In un mondo in cui convivono il grano e la zizzania la nostra forza sta nel non farci contaminare ma perseverar nel bene – ha detto il vescovo durante l’omelia, ed ha aggiunto – l’uomo chiede giustizia a Dio che risponde “Abbiate tempo”». La salma di Nino Candido stasera sarà trasferita nella città dello Stretto dove domani verranno celebrati i funerali. Dei tre vigili del fuoco rimangono l’impegno e le rinunce, la capacità di mettere al primo posto gli altri, la loro vita come modello ed esempio per tutti.