Carenza idrica a Reggio, graduale ritorno alla normalità

La mancanza d'acqua nella zona Sud della città invece è causata da una grossa perdita nei pressi dell'Omeca
La mancanza d'acqua nella zona Sud della città invece è causata da una grossa perdita nei pressi dell'Omeca

L’acqua non torna a casa dei reggini. L’inizio dell’anno si era profilato sotto i migliori auspici dal punto di vista della carenza idrica. Proprio il 31 dicembre scorso c’era stata la comunicazione da parte dell’amministrazione comunale del ritorno dell’acqua nei rubinetti. La bella notizia era stata motivata dal versamento di una tranche del debito maturato con Sorical, di modo che la stessa società avrebbe da subito tolto il blocco imposto sull’erogazione del liquido.

Viene sottovalutata una parola che accompagnava il comunicato “l’acqua tornerà gradualmente”. E così è stato perché, ad esempio, al centro storico, ieri sera la carenza idrica si è ripetuta, causando non poche lamentele da parte dei cittadini, costretti a fare i conti nuovamente con disservizi. In realtà come chiarisce il delegato al servizio idrico Paolo Brunetti, il passaggio sarà graduale, non tutto subito, in poche parole «Si conta presto di entrare nuovamente a regime».

Discorso diverso sono invece i disservizi idrici che si stanno manifestando in queste ore a Reggio Sud, Gebbione, viale Calabria e Sbarre superiori. In questo caso invece c’è una grossa perdita che insiste nei pressi del piazzale dell’ex Omeca. Questione di poco ed il danno sarà riparato. Perché l’acqua in città torni a regime invece bisognerà ancora attendere.