sabato,Febbraio 4 2023

Governo, Mattarella dà l’incarico a Meloni: ecco la lista dei ministri – NOMI

La leader di FdI: «Il centrodestra ha indicato me come premier». Al Colle stamani breve colloquio di undici minuti

Governo, Mattarella dà l’incarico a Meloni: ecco la lista dei ministri – NOMI

«Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l’incarico a formare il governo a Giorgia Meloni che ha accettato l’incarico e ha presentato l’elenco dei ministri». Lo ha detto il segretario generale del Quirinale, Ugo Zampetti. Il giuramento del governo domani alle 10.

Ecco la lista dei ministri

Ministri con portafoglio

  • Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale e Vice Premier: Antonio Tajani
  • Ministro dell’Interno: Matteo Piantedosi
  • Ministro della Giustizia: Carlo Nordio
  • Ministro della Difesa: Guido Crosetto
  • Ministro dell’Economia e delle Finanze: Giancarlo Giorgetti
  • Ministro delle Imprese e del Made in Italy: Adolfo Urso
  • Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare: Francesco Lollobrigida
  • Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica: Paolo Zangrillo
  • Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e Vice Premier: Matteo Salvini
  • Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali: Marina Elvira Calderone
  • Ministro dell’Istruzione e del Merito: Giuseppe Valditara
  • Ministro dell’Università e della Ricerca: Anna Maria Bernini
  • Ministro della Cultura: Gennaro Sangiuliano
  • Ministro della Salute: Orazio Schillaci
  • Ministro del Turismo: Daniela Garnero Santanché

Ministri senza portafoglio

  • Ministro per i Rapporti con il Parlamento: Luca Ciriani
  • Ministro per la Pubblica Amministrazione: Gilberto Pichetto Fratin
  • Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie: Roberto Calderoli
  • Ministro del Politiche del Mare e per il Sud: Sebastiano Musumeci
  • Ministro per le Politiche Europee per le Politiche di Coesione e per il Pnrr: Raffaele Fitto
  • Ministro per lo Sport e i Giovani: Andrea Abodi
  • Ministro per la Famiglia Natalità e Pari opportunità: Eugenia Maria Roccella
  • Ministro per le Disabilità: Alessandra Locatelli
  • Ministro per le Riforme Istituzionali: Maria Elisabetta Alberti Casellati

Consultazioni lampo

Undici minuti in tutto è durato il colloquio stamani con il capo dello Stato, al termine del quale ha preso la parola solo Giorgia Meloni: «FdI, ovviamente, ma anche Lega, Forza Italia e i centristi di Noi Moderati mi hanno indicata come premier “all’unanimità” – ha detto -. Attendiamo le determinazioni del presidente della Repubblica e già da ora siamo pronti, vogliamo procedere nel minor tempo possibile. Le urgenze sono moltissime a livello nazionale e internazionale», ha aggiunto ringraziando Mattarella per il “suo magistero”.

«Siamo pronti», ha detto all’uscita delle consultazioni ribadendolo via tweet poco dopo. La premier in pectore è a colloquio con il capo dello Stato, ma questa volta da sola: potrebbe ottenere l’incarico e accettarlo senza riserva, ufficializzando la lista dei ministri già oggi pomeriggio. Il giuramento del nuovo esecutivo – secondo quanto viene riferito da fonti parlamentari – si dovrebbe tenere domenica mattina. A quel punto la leader di Fdi si insedierà a Palazzo Chigi, dopo il consueto scambio della campanella con Mario Draghi di ritorno proprio in queste ore da Bruxelles. La squadra di governo è quasi fatta ma si limano ancora alcune caselle. In corso contatti fra i leader, con Forza Italia sempre in tensione e attenta a che siano garantiti gli equilibri con la Lega.

«Sono sicuro che, grazie al supporto imprescindibile di Forza Italia, il prossimo esecutivo sarà all’altezza di guidare il Paese verso la crescita», ha twittato Silvio Berlusconi allegando una foto in cui si mostra tutta la delegazione azzurra, con lui stesso seduto su una poltrona dorata. Se è attesa la conferma per Antonio Tajani alla guida del ministero degli Affari Esteri, si ragiona ancora invece sul dicastero dello Sviluppo economico e sulle deleghe per l’energia. Una tela che Giorgia Meloni tesse dai suoi uffici a Montecitorio, dove rientra al termine delle consultazioni rassicurando sul lavoro fatto finora: «Abbiamo le idee chiarissime», ha dichiarato ai cronisti entrando. Pausa pranzo poi al ristorante della Camera, da dove ha lasciato il Palazzo per poi rientrarvi un’ora e mezza più tardi in attesa di tornare al Quirinale.

Ecco da chi era composta la delegazione del centrodestra

I primi a entrare al Quirinale, in auto, sono stati prima Silvio Berlusconi e poi Antonio Tajani, con i capigruppo Licia Ronzulli e Alessandro Cattaneo. A seguire, la delegazione di Noi moderati con Antonio De Poli e Maurizio, che è entrata a piedi. Giorgia Meloni è arrivata in piazza del Quirinale su una Fiat 500 bianca. Ad attenderla i capigruppo Luca Ciriani e Francesco Lollobrigida. A seguire, sempre a piedi, sono entrati Matteo Salvini e i capigruppo Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo. 

Articoli correlati

top