domenica,Ottobre 24 2021

«Giocate sulla pelle delle persone». Lucano si scaglia contro il Governo

L’ex sindaco a muso duro contro il Governo giallorosso: «Dopo Riace una criminalizzazione della solidarietà»

«Giocate sulla pelle delle persone». Lucano si scaglia contro il Governo

«Non vedo una discontinuità con il precedente governo. L’immigrazione è un argomento che si continua a giocare sulla pelle delle persone, si continuano ad avere atteggiamenti di disumanità. C’è un arretramento di valori sociali e umani, ed è strano che chi si rende responsabile di queste misure poi riesca ad avere il consenso. Vuol dire che la società va verso una deriva di perdita di valori. I due decreti sicurezza sicuramente fanno parte di una strategia per distruggere il sistema di accoglienza in Italia». Così a Palermo Domenico Lucano, ex sindaco di Riace, a margine di un incontro, “Migrazioni e Decreto Sicurezza”, organizzato dall’Associazione Peppino Impastato di Cinisi, nella Facoltà di Lettere.

Ritornando alla sua esperienza come primo cittadino del piccolo centro calabrese, ha aggiunto: «La storia che ho vissuto da sindaco – ha proseguito – è la dimostrazione di come, nelle aree tragiche del Meridione d’Italia, l’immigrazione e l’accoglienza possano creare delle svolte sociali e rigenerare i paesi come è capitato a Riace. Quello che è successo dopo – ha aggiunto – è stato devastante perché c’è stata una evidente criminalizzazione della solidarietà: e nel caso di Riace si è andati oltre».

Articoli correlati

top