martedì,Dicembre 1 2020

Bovalino: «Il sindaco ignora la normativa sulla stabilizzazione degli ex Lsu Lpu»

Secondo i sindacalisti Sera e Princi, l’amministrazione ha, per legge, la possibilità di stabilizzare tutti i lavoratori contrattualizzati, ma non intende farlo

Bovalino: «Il sindaco ignora la normativa sulla stabilizzazione degli ex Lsu Lpu»

«Il destino degli ex lsu lpu, continua a essere sempre più soggettivo e di libera interpretazione, da parte di alcuni sindaci e segretari comunali, poichè in maniera del tutto superficiale affrontano la delicata questione del precariato». Così affermano in una nota congiunta Vincenzo Sera, segretario provinciale Cisl-Fp, e Stefano Princi, segretario provinciale Uiltemp sostenendo che il sindaco di Bovalino, Vincenzo Maesano, ignora la normativa vigente che riguarda la stabilizzazione dei lavoratori contrattualizzati ex Lsu Lpu .

Secondo i sindacalisti «La libera interpretazione della normativa preposta al superamento del precariato, riguarda l’ Amministrazione comunale di Bovalino guidata dal Sindaco Vincenzo Maesano – che avendo la possibilità, consentita dalla legge, di stabilizzare tutti i lavoratori contrattualizzati ex Lsu Lpu continua a far finta di non capire. Qualche giorno addietro, in sede di confronto sindacale, abbiamo ribadito al sindaco – affermano i sindacalisti – sia la possibilità consentita dalla norma per la stabilizzazione che dell’opportunità, rivolta a tutti gli enti, messa a disposizione da parte della regione Calabria e del Ministero del Lavoro che prevede la concessione di un contributo straordinario, con scadenza il prossimo 30 novembre, di circa 13.000,00 euro annui per ogni lavoratore stabilizzato fino a quiescenza». Tuttavia concludono Sera e Princi «nonostante le favorevoli condizioni non riusciamo a comprendere i veri motivi che inducono l’amministrazione comunale a non stabilizzare i propri lavoratori ex Lsu Lpu».